Migranti soccorsi dalla nave Juventa dell’ong tedesca Jugend Rettet al largo delle coste libiche, il 18 giugno 2017. (Stefano Rellandini, Reuters/Contrasto)

Cosa prevede la bozza del decreto sicurezza bis

Migranti soccorsi dalla nave Juventa dell’ong tedesca Jugend Rettet al largo delle coste libiche, il 18 giugno 2017. (Stefano Rellandini, Reuters/Contrasto)
13 maggio 2019 16:42

Il 10 maggio è stata diffusa la bozza di un decreto sicurezza bis, proposto d’urgenza dal ministro dell’interno Matteo Salvini su ordine e sicurezza. La bozza non è ancora stata esaminata dal consiglio dei ministri e quindi non è stata ancora trasformata in decreto legge, ma ha già suscitato diverse critiche e reazioni. Ecco in sintesi cosa prevede.

I primi quattro articoli riguardano i soccorsi in mare:

  • Una sanzione da 3.500 a 5.500 euro per ogni straniero soccorso e trasportato in Italia da navi di soccorso e addirittura la revoca o la sospensione della licenza per navi che battono bandiera italiana.
  • Il trasferimento della competenza a limitare o vietare il transito e la sosta nel mare territoriale italiano dal ministro delle infrastrutture al ministro dell’interno.
  • L’affidamento alle procure distrettuali anche delle ipotesi non aggravate di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. L’estensione dell’uso delle intercettazioni per questo tipo di reati.
  • Lo stanziamento di tre milioni di euro per il finanziamento di poliziotti di origine straniera per indagini sotto copertura.

Gli altri articoli (dal 5 all’11) riguardano la sicurezza e l’ordine pubblico e prevedono:

  • L’inasprimento delle sanzioni in seguito ai reati di devastazione, saccheggio e danneggiamento commessi nel corso di riunioni pubbliche.
  • Maggiori tutele per le forze dell’ordine attraverso l’introduzione di nuove fattispecie di reati per colpire più severamente coloro che si oppongono ai pubblici ufficiali.
  • Modifiche al codice penale che prevedono sanzioni per i reati di oltraggio a pubblico ufficiale e il reato di violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale.
  • Più militari per le Universiadi di Napoli del 2019.

Le critiche

In molti hanno fatto notare che stiamo parlando solo di una bozza e che difficilmente la proposta del ministro sarà esaminata prima delle elezioni europee di fine maggio, in questo senso parlarne come se fosse un decreto già in vigore è fuorviante. Su alcuni punti, infatti, è facile pensare che gli alleati di governo, il Movimento 5 stelle, possano esprimere dubbi. Per esempio l’articolo 2, che sottrae una serie di competenze al ministro delle infrastrutture e dei trasporti a favore del ministro dell’interno, potrebbe essere contestata dai cinquestelle.

L’Associazione studi giuridici sull’immigrazione ha commentato in maniera molto negativa la bozza: “Il testo appare essere l’ennesimo stravolgimento dei fondamentali princìpi di diritto internazionale”. Tra le altre cose prevede “sanzioni per chi, nell’adempimento di un dovere etico, giuridico e sociale, salva vite umane altrimenti destinate alla morte”. Per molti esperti il decreto, a cui mancherebbero le condizioni di urgenza, sarebbe contrario a diverse norme nazionali e internazionali.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Per il premier iracheno si prepara la resa dei conti
Zuhair al Jezairy
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.