13 maggio 2015 18:01

La Russia è grande come un continente ed è un paese multietnico in cui si parlano più di un centinaio di lingue. La sua identità è tesa tra occidente e oriente e in questo territorio di indefinitezza nasce il suo fascino.

Il fotografo francese Didier Bizet ha intrapreso il suo viaggio in Russia a partire dalle pagine del Dottor Živago, il romanzo di Boris Pasternak pubblicato nel 1957. Bizet ha seguito tra il 2011 e il 2014 la geografia della vita del protagonista Jùrij Živago, da Mosca fino agli Urali. “Ho scoperto una Russia vecchia, malinconica, caotica e aspra”, afferma il fotografo “in cui sembra di entrare nel deserto appena si lascia la città”.