Russia

Russia

Capitale
Mosca
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Rublo russo
Superficie
L’errore di Amnesty International sul caso di Alexej Navalnyj

L’organizzazione per la difesa dei diritti umani ha deciso di eliminare l’oppositore russo dalla lista dei “prigionieri di coscienza”. La vicenda merita sicuramente un’analisi. Leggi

In Birmania l’esercito spara per spezzare la resistenza

I birmani che manifestano da un mese si illudono su un possibile intervento occidentale in loro favore, tanto più che il Consiglio di sicurezza dell’Onu è paralizzato dai veti della Cina e della Russia. Leggi

pubblicità
La repressione degli stati autoritari non conosce frontiere

Omicidi, aggressioni, detenzioni e deportazioni illegali: secondo un rapporto di Freedom house, i casi sono più numerosi di quanto si immagini. Leggi

L’Europa impotente davanti alla sfida dell’autoritarismo russo

La visita a Mosca del rappresentante europeo agli esteri per chiedere il rispetto dei diritti civili è stata un fallimento. L’Unione europea dovrà dotarsi dei mezzi diplomatici necessari a rivedere i rapporti con un vicino potente e inflessibile. Leggi

La condanna di Navalnyj mostra i limiti delle pressioni internazionali

Putin si sente intoccabile perché le armi della diplomazia internazionale sono spuntate di fronte a enormi progetti economici come il gasdotto Nord stream 2, in cui sono coinvolti cinque gruppi europei. Leggi

pubblicità
Le manifestazioni in Russia spingono Vladimir Putin sulla difensiva

Le proteste in sostegno di Alexej Navalnyj continuano e gli arresti del 31 gennaio dimostrano che il Cremlino sta prendendo molto sul serio la questione. Ma difficilmente farà qualcosa per disinnescare la crisi. Leggi

Lukašenko non ha vinto

Il movimento d’opposizione non organizza più grandi manifestazioni, ma questo non vuol dire che sia stato sconfitto. Tornerà a protestare in primavera contro un regime sempre più debole, ma dovrà guardarsi dalle ingerenze della Russia. Leggi

Il lento decollo del vaccino russo

Lo Sputnik V non riscuote il successo sperato dal Cremlino. Anche per la diffidenza suscitata dalla scarsa trasparenza che ne ha caratterizzato lo sviluppo. Per ora è stato comprato solo da paesi vicini al Cremlino, come l’Algeria. Leggi

Cronaca dell’arresto annunciato di Alexej Navalnyj

L’oppositore di Putin rifiuta l’esilio perché lo considera una morte politica. Ha deciso di rientrare in patria conoscendo i rischi e sapendo di essere sostenuto soprattutto dai giovani delle città nella sua battaglia anticorruzione. Leggi

Correva l’anno 2020

Se pensiamo all’anno appena passato, è difficile ricordare che è cominciato senza la pandemia. Ma è tornando all’inizio del 2020 che si riesce a capire come il covid-19 ha pesato sulla politica in tanti scenari strategici del mondo. Leggi

pubblicità
In Bielorussia sarà la crisi economica a fare cadere Lukašenko

Senza investimenti internazionali e con un settore informatico una volta all’avanguardia e ora impoverito, il presidente affronta un deciso calo dei consensi. Anche Mosca potrebbe presto voltargli le spalle. Leggi

Il mito della Russia che difende l’occidente

Gli esperti di geopolitica occidentali vicini all’estrema destra amano l’idea che un occidente minacciato dall’islam abbia in Mosca il suo ultimo difensore. Questo significa non capire niente della realpolitik russa. Leggi

Putin è di nuovo padrone del gioco nel Caucaso

Nel conflitto nel Nagorno Karabakh il presidente russo ha lasciato spazio alla Turchia che appoggia l’Azerbaigian, ha invitato gli armeni a riconoscere il cessate il fuoco e ha anche approfittato del fallimento europeo nelle trattative. Leggi

La sconfitta dell’Armenia ribalta gli equilibri nel Caucaso

Dopo un mese di guerra sul destino dell’enclave del Nagorno Karabakh abbiamo un vincitore militare, l’Azerbaigian, e due vincitori politici, la Russia e la Turchia. Leggi

In viaggio verso Togliatti

Claudio Giunta e Giovanna Silva hanno ripercorso il viaggio che cinquant’anni fa operai e tecnici della Fiat avevano intrapreso da Torino alla cittadina russa per costruire una fabbrica di automobili. Leggi

pubblicità
Una notte sotto le bombe in Nagorno Karabakh

Nelle ultime quattro settimane il conflitto tra Armenia e Azerbaigian per il controllo della repubblica autoproclamata ha causato quasi mille morti. Un reportage dalla città di Stepanakert. Leggi

La lezione delle proteste in Bielorussia

Da più di due mesi i bielorussi manifestano contro la dittatura di Aleksandr Lukašenko. Con metodi pacifici e obiettivi chiari: democrazia, libertà, dignità. Leggi

L’Europa unita sanziona Mosca per la vicenda Navalnyj

Anche senza un politica estera comune, i 27 paesi dell’Ue stanno costruendo una strategia che finora ha riguardato la Russia e la Turchia, e che avrà ricadute anche sui rapporti con la Cina. Leggi

L’enciclopedia dei tatuaggi

Per quasi quarant’anni Sergei Vasiliev ha ritratto i tatuaggi dei detenuti e delle detenute nelle carceri della Russia e della Siberia. Le sue foto sono in mostra a Bologna. Leggi

L’incoerenza delle Nazioni Unite verso chi non rispetta i diritti umani

Nel consiglio creato per vigilare sul rispetto dei diritti umani entreranno gli stessi paesi che li violano, confermando che manca una volontà politica globale di rendere efficaci questi strumenti. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.