Russia

Russia

Capitale
Mosca
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Rublo russo
Superficie
Putin è di nuovo padrone del gioco nel Caucaso

Nel conflitto nel Nagorno Karabakh il presidente russo ha lasciato spazio alla Turchia che appoggia l’Azerbaigian, ha invitato gli armeni a riconoscere il cessate il fuoco e ha anche approfittato del fallimento europeo nelle trattative. Leggi

La sconfitta dell’Armenia ribalta gli equilibri nel Caucaso

Dopo un mese di guerra sul destino dell’enclave del Nagorno Karabakh abbiamo un vincitore militare, l’Azerbaigian, e due vincitori politici, la Russia e la Turchia. Leggi

pubblicità
In viaggio verso Togliatti

Claudio Giunta e Giovanna Silva hanno ripercorso il viaggio che cinquant’anni fa operai e tecnici della Fiat avevano intrapreso da Torino alla cittadina russa per costruire una fabbrica di automobili. Leggi

Una notte sotto le bombe in Nagorno Karabakh

Nelle ultime quattro settimane il conflitto tra Armenia e Azerbaigian per il controllo della repubblica autoproclamata ha causato quasi mille morti. Un reportage dalla città di Stepanakert. Leggi

La lezione delle proteste in Bielorussia

Da più di due mesi i bielorussi manifestano contro la dittatura di Aleksandr Lukašenko. Con metodi pacifici e obiettivi chiari: democrazia, libertà, dignità. Leggi

pubblicità
L’Europa unita sanziona Mosca per la vicenda Navalnyj

Anche senza un politica estera comune, i 27 paesi dell’Ue stanno costruendo una strategia che finora ha riguardato la Russia e la Turchia, e che avrà ricadute anche sui rapporti con la Cina. Leggi

L’enciclopedia dei tatuaggi

Per quasi quarant’anni Sergei Vasiliev ha ritratto i tatuaggi dei detenuti e delle detenute nelle carceri della Russia e della Siberia. Le sue foto sono in mostra a Bologna. Leggi

L’incoerenza delle Nazioni Unite verso chi non rispetta i diritti umani

Nel consiglio creato per vigilare sul rispetto dei diritti umani entreranno gli stessi paesi che li violano, confermando che manca una volontà politica globale di rendere efficaci questi strumenti. Leggi

Putin impone una fragile tregua nel Nagorno Karabakh

Al di là del conflitto tra Azerbaigian e Armenia sul destino del Nagorno Karabakh, sono i rapporti di forza tra le potenze regionali la posta in gioco nell’attuale scontro. Leggi

I paesi dell’ex Unione Sovietica preoccupano Putin

Nella regione è in corso un cambiamento generazionale, quasi trent’anni dopo la caduta dell’Urss. E questa aspirazione preoccupa il presidente russo che ha appena fatto approvare il prolungamento a vita del suo potere. Leggi

pubblicità
La morte sospetta di un neonazista mediatico

Maksim Martsinkevič detto Tesak aveva fatto fortuna filmando aggressioni a immigrati e omosessuali. Il suo suicidio in carcere lascia molti dubbi. Ma la sua storia racconta di una violenza tollerata dal sistema. Leggi

Russia e Turchia si sfidano nel conflitto del Nagorno Karabakh

Il Caucaso meridionale diventa il terzo “fronte”, insieme a Siria e Libia, di un rapporto complesso e basato soprattutto sulle relazioni personali tra i due autocrati, Recep Tayyip Erdoğan e Vladimir Putin. Leggi

Macron tenta la strada della diplomazia con la Russia

Il presidente francese è impegnato in un dialogo con Mosca, anche se Putin appoggia il regime bielorusso e nega l’avvelenamento di Navalnyj. E potrebbe mediare tra l’opposizione e Lukašenko. Leggi

Bielorussia, perché vacilla l’ultima dittatura europea

Aleksandr Lukašenko è al potere dal 1994. Dopo le contestate elezioni dello scorso agosto, i bielorussi hanno cominciato a manifestare per la democrazia. Il presidente ha reagito con la repressione. Il video di Le Monde. Leggi

Il regime bielorusso è con le spalle al muro e ancora più pericoloso

I rapimenti di una delle principali oppositrici del regime, Maria Kolesnikova, e di altri attivisti fanno temere che le titubanze europee a sanzionare il paese incoraggino Aleksandr Lukašenko a proseguire la repressione. Leggi

pubblicità
La vicenda Navalnyj minaccia il gasdotto tra Russia e Germania

Il tentato omicidio dell’oppositore russo Aleksej Navalnyj si sta trasformando in un momento della verità tra Mosca e Berlino, che coinvolge anche il resto d’Europa e che minaccia l’interruzione del gasdotto Nord Stream 2. Leggi

L’embargo sulle armi alla Libia è ignorato da chi lo ha votato

Un rapporto presentato alle Nazioni Unite rivela le violazioni commesse da almeno otto stati. Quello che succede in Libia è il simbolo del nuovo disordine mondiale. Leggi

L’ombra del Cremlino sull’avvelenamento di Aleksej Navalnyj

Il governo tedesco ha dichiarato che il rivale di Putin è stato avvelenato con il Novichok. Il coinvolgimento di Mosca sembra sempre più probabile Leggi

L’avvelenamento di Navalnyj serve a intimorire l’intera Russia

Attivista anticorruzione, oppositore e critico del Cremlino, Aleksey Navalnyj ha già affrontato attentati e minacce. L’uso del veleno riporta ai tempi del Kgb e alla tecnica di coinvolgere familiari e amici per mettere a tacere i dissidenti. Leggi

La solitudine della protesta bielorussa

Le manifestazioni per la democrazia si scontrano con una tripla realtà: le mire espansionistiche della Russia, l’indecisione dell’Unione europea e l’assenza vistosa degli Stati Uniti. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.