Il cibo servito su un tavolo della mensa gestita dalla chiesa ortodossa di Atene. (Alkis Konstantinidis, Reuters/Contrasto)

Scene dalla crisi greca

27 marzo 2017 14:55

L’economia della Grecia è in ripresa. Stando a quello che ha dichiarato un funzionario dell’Unione europea alla Reuters, infatti, nel 2016 il prodotto interno lordo greco è cresciuto del 2–3 per cento, più del previsto.

È la prima volta che Atene registra una crescita economica dall’autunno del 2009, quando è ufficialmente entrata in crisi. Anche la disoccupazione è scesa dal 28 al 23 per cento, pur rimanendo la più alta in Europa.

Ma anche se questi dati inaspettati spingono all’ottimismo, gli effetti della crisi continuano a sentirsi. Molti cittadini vanno al banco alimentare gestito dal comune di Atene per ricevere aiuti: riso, ceci, datteri, latte. Attualmento sono registrate 26mila persone. Molte di loro vivono al di sotto della soglia di povertà, cioè hanno un reddito inferiore a 370 euro al mese.

Altri si affidano alle cure della chiesa ortodossa che ha incrementato la sua attività nella mensa dei poveri di Atene, dove ogni giorno vengono serviti 400 pasti.

Eva Agkisalaki ha 61 anni, è un’ex insegnante, e oggi lavora come volontaria alla mensa. Quando il suo contratto è terminato lei non aveva ancora raggiunto la nuova età pensionabile e la pensione del marito è stata dimezzata. La sua collega Evangelia Konsta dichiara che il numero di persone che si rivolgono alla mensa è raddoppiato negli ultimi due anni e che la chiesa aiuta alcune famiglie facendosi carico delle bollette. “Sono tempi difficili per tutti”, dice Agkisalaki. “Vegetiamo, ci accontentiamo di esistere”.

Le foto sono state scattate da Alkis Konstantinidis ad Atene, il 20 febbraio 2017.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.