Improving life, università del Texas, Austin, Stati Uniti. Lo sviluppo di dispositivi robotici per migliorare la qualità della vita. (Sara, Peter & Tobias)

L’illusione di essere reali

23 luglio 2018 15:10

L’ultimo progetto del collettivo danese Sara, Peter & Tobias mette in gioco la possibilità che la realtà non esista nel modo in cui crediamo, e che sia frutto di una simulazione.

The merge indaga una delle questioni più antiche poste dall’essere umano, la percezione della realtà, lasciandosi affascinare dalle discusse teorie del filosofo Nick Bostrom – autore di The simulation argument – e dai rapidi sviluppi nei campi della robotica e dell’intelligenza artificiale.

Sara Galbiati, Peter Helles Eriksen e Tobias Selnaes Markussen hanno cominciato a lavorare insieme per Phenomena (2016), in cui raccontavano l’esistenza degli alieni con metodo antropologico, andando nei luoghi degli avvistamenti e intervistando chi crede agli Ufo. Anche stavolta il loro campo d’indagine è una zona grigia in cui i confini tra scienza e fantasia non sono definiti. Non cercano di dare delle risposte o giudicare, ma preferiscono seguire le possibilità aperte dal loro approccio, segnato dalla fusione di metodi diversi. “Abbiamo seguito essenzialmente due strade in questo progetto”, spiega il collettivo. “Una è più documentaristica e guarda allo sviluppo tecnologico, mentre nell’altra la realtà diventa astratta, e trovano spazio le cose che troviamo oscure e bizzarre”.

Quest’annoThe merge è stato premiato con l’International photography award della rivista British Journal of Photography ed è in mostra alla galleria TJ Boulting di Londra fino all’11 agosto.

pubblicità