Appassionato di musica underground, Mattia Zoppellaro ha viaggiato per anni a bordo di vecchi furgoni per documentare la scena techno europea, partecipando alla vita quotidiana delle persone che organizzavano i rave e sposandone la filosofia. Le sue fotografie, scattate tra il 1997 e il 2005, raccontano una sottocultura, che si muoveva al di fuori delle rigide regole imposte alla vita notturna e all’intrattenimento tradizionale.

Zoppellaro ha raccolto il suo lavoro in un libro intitolato Dirty dancing (in uscita il 5 novembre 2021), che racconta un passato non troppo lontano, in cui si celebrava la libertà di ballare quando e dove si voleva. Il libro è ambientato nelle periferie di città europee come Londra, Milano, Barcellona, Torino, Graz e Bologna. L0 stile degli scatti di Zoppellaro nasce dai limiti imposti dalla poca luce alle feste, che lo ha spinto a usare una pellicola ad alta velocità. Il risultato è un bianco e nero scuro e granuloso, che conferisce ai rave un’estetica classica e raffinata. Pubblicato dall’etichetta musicale Klasse Wrecks e dallo studio di design di Berlino We make it, il volume è un omaggio alle ragazze e ai ragazzi, alle piste da ballo improvvisate, alla libertà e all’energia dei rave europei nella loro fase più esaltante. ◆(Foto Contrasto)

Una festa all’alba a Sasso Marconi, nel 1999. Tra le colline bolognesi si svolgevano molte feste clandestine. Le più comuni erano le Goa trance, ispirate al movimento hippy.
Raver al Summer teknival vicino a Graz, in Austria, nel 2003. Collegandosi al sito Shockraver si scopriva il luogo più vicino alla festa. Una volta in zona bastava seguire la musica per arrivare a destinazione
Raver ballano sopra le casse alla festa di capodanno del 2001, ad Aprilia. Il rave era stato organizzato con l’obiettivo di raccogliere soldi per pagare le spese processuali a un amico del gruppo, incarcerato poche settimane prima.
Shockraver suona durante il Summer teknival nell’alveo di un emissario del Po, a Torino, nel 2000. Oltre a essere un dj, Shockraver gestisce il più importante sito d’informazioni sulle località dei rave.
Al Summer teknival di Graz, in Austria, nel 2003.
Al Summer teknival di Graz, in Austria, nel 2003.
Una ragazza balla al centro sociale Livello 57 di Bologna.
Una ragazza balla al centro sociale Livello 57 di Bologna.

Mattia Zoppellaro vive a Milano ed è specializzato in ritratti e reportage. Collabora con diverse riviste ed etichette musicali.

Questo articolo è uscito sul numero 1431 di Internazionale, a pagina 64. Compra questo numero | Abbonati