Un gruppo di attivisti anonimi ha lanciato Worker lives matter, una campagna online contro gli orari di lavoro massacranti nelle aziende cinesi, sintetizzati dalla sigla 996: dalle 9 del mattino alle 9 della sera per 6 giorni alla settimana. Il gruppo ha invitato i dipendenti delle aziende tecnologiche a inserire il loro orario di lavoro in una banca dati pubblica. Finora, scrive la Reuters, hanno aderito più di quattromila persone. Banche dati simili sono state create anche per altri settori, come quello immobiliare. Uno degli attivisti ha dichiarato che l’obiettivo è fornire ai lavoratori uno strumento per capire a cosa si va incontro quando si sceglie un lavoro.

Questo articolo è uscito sul numero 1432 di Internazionale, a pagina 109. Compra questo numero | Abbonati