Quest’anno il rallentamento delle due principali economie globali – gli Stati Uniti e la Cina – sarà più forte del previsto, rischiando di influenzare negativamente il resto del mondo, scrive il New York Times. Lo conferma l’ultimo World economic report del Fondo monetario internazionale, secondo il quale il pil globale crescerà del 4,4 per cento.

Questo articolo è uscito sul numero 1445 di Internazionale, a pagina 102. Compra questo numero | Abbonati