Si è aperto il 6 giugno a Los Angeles il nono vertice delle Americhe, un evento che si tiene dal 1994 e ha lo scopo di riunire i capi di stato di tutti i paesi della regione. Quest’anno più che gli argomenti sul tavolo della discussione, primo tra tutti la questione migratoria, si è parlato dei grandi assenti all’incontro. “L’amministrazione Biden non ha invitato i leader di Venezuela, Cuba e Nicaragua, affermando che non rispettano i princìpi democratici”, scrive l’Afp. La reazione è stata immediata: il presidente messicano López Obrador, il boliviano Luis Arce e l’honduregna Xiomara Castro hanno boicottato il vertice. Intanto una carovana di migliaia di migranti è partita il 6 giugno dal sud del Messico verso gli Stati Uniti.

Questo articolo è uscito sul numero 1464 di Internazionale, a pagina 33. Compra questo numero | Abbonati