“Il piano del governo tedesco d’installare negli edifici pompe di calore al posto delle caldaie a gas e di agevolare la diffusione dei veicoli con motore elettrico rischia di sovraccaricare la rete elettrica nazionale, scrive Die Tageszeitung. L’allarme è stato lanciato da Klaus Müller, il capo dell’agenzia statale che gestisce la rete. Müller ha sottolineato che la diffusione incontrollata di pompe di calore e di stazioni di ricarica per i veicoli elettrici potrebbe provocare anche dei blackout in alcune zone della Germania. Berlino prevede di far installare cinquecentomila nuove pompe di calore all’anno negli edifici, ed entro il 2030 di portare sulle strade tedesche almeno quindici milioni di automobili elettriche.

Questo articolo è uscito sul numero 1495 di Internazionale, a pagina 92. Compra questo numero | Abbonati