L’adesione alle quote di richiedenti asilo sarà volontaria

Ogni paese membro dell’Unione europea deciderà se aderire o meno al sistema di ripartizione dei 40 mila richiedenti asilo arrivati sulle coste italiane e greche, che Roma insisteva per distribuire tra tutti e 28 i partner. Il Consiglio europeo ha quindi firmato un accordo, ma più blando di quanto prevedeva la bozza della Commissione

Non c’è accordo sulle quote di ripartizione dei richiedenti asilo in Europa

25 giugno 2015 18:07

Secondo il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, non c’è accordo tra i 28 paesi membri dell’Unione europea sull’obbligatorietà delle quote di ripartizione dei richiedenti asilo in Europa.

Tusk arrivando al summit europeo in cui si discuterà di immigrazione e della crisi greca ha detto: “Non c’è accordo tra gli stati sulle quote. Ci vuole ancora tempo per trovare un accordo”. Per Tusk la priorità del Consiglio europeo sarà il contenimento dell’immigrazione irregolare.

Il presidente del Consiglio europeo ha detto che si andrà verso un sistema basato sull’adesione volontaria e non obbligatoria alle quote. “Ma un meccanismo su base volontaria non deve essere una scusa per non fare niente. Una solidarietà senza sacrifici è ipocrisia”, ha detto Tusk.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

I numeri dell’hotel Capital
Olga Tokariuk
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.