L’adesione alle quote di richiedenti asilo sarà volontaria

Ogni paese membro dell’Unione europea deciderà se aderire o meno al sistema di ripartizione dei 40 mila richiedenti asilo arrivati sulle coste italiane e greche, che Roma insisteva per distribuire tra tutti e 28 i partner. Il Consiglio europeo ha quindi firmato un accordo, ma più blando di quanto prevedeva la bozza della Commissione

Le quote di ridistribuzione dei richiedenti asilo saranno su base volontaria

26 giugno 2015 07:21

I leader europei hanno trovato un accordo sulla ridistribuzione nei diversi paesi dell’Unione europea di 40mila richiedenti asilo arrivati in Grecia e Italia da aprile.

In un vertice che è andato davanti nella notte i rappresentanti dei paesi membri dell’Unione hanno deciso che l’adesione al sistema di quote sarà volontaria e non obbligatoria, come previsto dalla prima bozza dell’agenda europea sull’immigrazione presentata il 12 maggio.

Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk ha detto che l’accordo c’è stato e che i richiedenti asilo saranno spostati nei prossimi due anni. “I ministri dell’interno discuteranno dei dettagli del piano entro la fine di luglio”, ha detto Tusk. C’è stato un accordo anche sulla ricollocazione di circa ventimila profughi a cui è stata riconosciuta la protezione internazionale e che si trovano attualmente nei campi profughi in paesi non europei.

Secondo Frontex, dall’inizio dell’anno sono arrivate in Italia 62mila persone, 63mila in Grecia e diecimila passando dalla Serbia e dall’Ungheria solo a maggio.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Tutto quello che c’è da sapere sulle elezioni europee
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.