La polizia francese perquisisce un uomo a Le Pré-Saint-Gervais, a nord di Parigi, il 27 novembre 2015. (Laurent Emmanuel, Afp)

In Francia la polizia arresta gli ambientalisti in nome della lotta al terrorismo

La polizia francese perquisisce un uomo a Le Pré-Saint-Gervais, a nord di Parigi, il 27 novembre 2015. (Laurent Emmanuel, Afp)
03 dicembre 2015 13:04

La giornata del 26 novembre dell’ambientalista Joel Domenjoud è cominciata con una telefonata in cui gli si comunicava che la polizia aveva sfondato la porta dell’appartamento occupato da un amico e che aveva arrestato almeno un paio di persone. Nel timore che il piccolo locale in cui abitava con la compagna, nel sobborgo parigino di Malakoff, avrebbe fatto presto la stessa fine, Domenjoud se n’è andato in tutta fretta.

Dopo gli attacchi del 13 novembre, rivendicati dal gruppo Stato islamico, il governo francese ha dichiarato uno stato di emergenza di tre mesi, durante il quale sono consentiti arresti domiciliari, perquisizioni senza mandato e limitazioni agli spostamenti delle persone. Inoltre sono state vietate le manifestazioni di piazza, tra cui le azioni di massa previste in occasione della conferenza internazionale sul clima, Cop21. Si è saputo di molti blitz effettuati dalla polizia contro persone senza relazioni con il terrorismo, e tra queste anche attivisti impegnati sulle questioni climatiche.

Violazione dei diritti fondamentali

Quella settimana Domenjoud l’ha passata in tribunale a battersi contro il divieto di manifestare e a preparare delle azioni alternative di protesta per la conferenza sul clima, cominciata il 30 novembre. Aveva atteso l’esito di quello che va sotto il nome di référé liberté, sostenendo che il divieto infrange i diritti fondamentali di chi vorrebbe manifestare, e chiedendo a un giudice amministrativo di revocarlo. Il giudice ha respinto la richiesta.

Domenjoud aveva anche presentato le richieste formali per consentire a un corteo di manifestanti di arrivare nel centro di Parigi passando in un paio di quartieri periferici. Al corteo partecipavano anche esponenti di una zone à défendre (zad) un’area nella Francia occidentale occupata da alcuni anni prima per impedire la costruzione di un aeroporto.

Tra le motivazioni del suo arresto c’era la partecipazione agli incontri preparatori per la Cop21

Dopo la telefonata, tuttavia, Domenjoud si è chiesto se sarebbe riuscito a partecipare alle attività per la conferenza sul clima. Si è fermato in una biblioteca vicino casa sua che gestisce come parte di un collettivo. Sbirciando fuori della finestra, ha intravisto dietro al palazzo quelli che gli sembravano dei poliziotti e ha stabilito che sarebbe stato più al sicuro in un luogo pubblico. Quindi è entrato in un caffè e ha cominciato a chiamare i giornalisti, gli operatori di organizzazioni non governative e i rappresentanti sindacali che conosceva.

“Ho detto di temere che sarei stato arrestato quella sera”.

Dalla vetrina del caffé, la piazza principale della città aveva tutta l’aria di brulicare di agenti in borghese. È corso in strada e si è infilato al volo in un autobus, spegnendo il cellulare. “Mi restavano poche ore da vivere”, mi ha detto.

Raggiunto sano e salvo il Centre international de culture populaire, una sorta di centro nevralgico dei movimenti sociali a Parigi, Domenjoud ha riacceso il telefonino. Lo chiamava la sua vicina libanese. L’ha informato che la polizia aveva fatto sgomberare lo stabile e poi gli ha passato un agente, il quale gli ha intimato di presentarsi alla stazione di polizia entro un’ora.

Portavoce suo malgrado

Quando Domenjoud è tornato a Malakoff, gli sono stati notificati gli arresti domiciliari per tutta la durata della conferenza, causa del suo presunto ruolo chiave nell’organizzazione delle proteste contro la Cop21. Tra le motivazioni del suo arresto, che menzionavano la gravità della minaccia terroristica e la presenza dei maggiori leader mondiali, c’erano la sua partecipazione agli incontri preparatori per la Cop21, l’organizzazione di seminari in un campo estivo antinucleare a Bure, e l’eventualità che potesse favorire le azioni di black bloc, i quali con ogni probabilità avrebbero compiuto atti di violenza, nonostante la presenza della polizia.

Domenjoud è uno dei 24 attivisti francesi posti agli arresti domiciliari per aver organizzato azioni di protesta contro la conferenza sul clima. Non conosce quasi nessuno degli altri ventitré, ma ne è diventato il portavoce de facto sui mezzi d’informazione da quando un’organizzazione per i diritti umani ha inserito il suo nome in un comunicato stampa. “Non posso rimanere nell’ombra se tutti sanno come mi chiamo”, ha dichiarato. In caso contrario, non è sicuro che si sarebbe espresso. “Diventare un personaggio pubblico è come essere processato”.

Ognuno potrebbe avere un posto se comunicasse di più. Forse ci sarebbero meno black bloc con il passamontagna

Domenjoud ha lavorato fino a tardi per mesi, prima degli attacchi del 13 novembre, dando una mano a coordinare i progetti per manifestazioni e incontri tra attivisti francesi e internazionali che sarebbero arrivati a Parigi per l’evento.

Tra loro figuravano anche nomi di rilievo, come Bill McKibben e Naomi Klein, e tutti richiedevano azioni di disturbo in grado di fare pressione sui responsabili perché non si limitassero a siglare l’accordo estremamente limitato previsto alla scadenza delle due settimane.

Parigi doveva essere il punto di partenza per costruire nei mesi e negli anni a venire un movimento internazionale più organizzato contro i sistemi che causano il cambiamento climatico. Il 13 novembre Domenjoud era in un caffè quando ha ricevuto un messaggio che l’ha informato dell’attacco terroristico avvenuto a tre o quattro chilometri da dove si trovava. Ricorda di aver scritto a un suo amico: “È impossibile prevedere tutte le conseguenze che ci saranno”.

“Abbiamo cominciato a smantellare mentalmente tutti i nostri progetti”, ha aggiunto Domenjoud. “Tutti avevano una gran paura di un attacco al corteo. Ci pensavano tutti – anche noi. Ma da un certo momento in poi la decisione dipende da te, non dalla sicurezza”.

Un movimento sociale

Domenjoud aveva contribuito a ideare un evento per il 29 novembre in modo da richiamare migliaia di persone. “Era una sfida enorme per la sicurezza”, ha detto, anche prima degli attacchi terroristici. “Lo stato di emergenza gli ha dato modo di risolvere il problema”.

Gli organizzatori avevano immaginato di creare alla partenza del corteo uno spazio di riunione per gli attivisti radicali, dove potessero fermarsi a scambiare idee se non erano interessati a partecipare a quella che per alcuni era una parata allestita dalle organizzazioni non governative. E questa è forse una delle ragioni per cui le autorità si sono sentite tanto minacciate da Domenjoud. “Sapevo che ci sarebbe stata un’ala radicale”, ha affermato. “Non sono responsabile di quello che può accadere. È un movimento sociale”.

Domenjoud parla con tutti, sostiene, e desidera che gli altri facciano lo stesso. “Ognuno è un po’ egoista”, aggiunge. “Ma ognuno potrebbe avere un posto se comunicasse di più. Forse ci sarebbero meno black bloc con il passamontagna e un’azione più radicale da parte delle ong”.

Le proteste si sono svolte anche il 29 novembre, ma su una scala molto inferiore a quella prevista inizialmente. Place de la République è stata riempita da undicimila scarpe donate da tutto il mondo. Per mezzogiorno erano state tutte portate via, e una catena umana si è formata lungo il percorso che avrebbe dovuto seguire la manifestazione, snodandosi per tre chilometri dal boulevard Voltaire fino a place de la Nation, appena interrotta dai cumuli di rose sfiorite davanti al Bataclan. Dopo mezz’ora si sono fatte vive al memoriale la sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, e la presidente cilena Michelle Bachelet, scortate da automezzi neri della sicurezza.

‘C’erano tutte quelle cose sul continuare a vivere le nostre vite. Protestare è un modo per continuare a vivere le nostre vite’.

All’una precisa la catena umana si è sciolta e gli attivisti si sono dispersi. Dopo un’ora o poco più una piccola frangia più radicale si è materializzata su boulevard Voltaire ed è tornata indietro fra canti e slogan verso place de la République. Alcuni manifestanti hanno continuato a marciare intorno alla piazza, altre persone si sono mescolate a chiacchierare tra loro, mentre la polizia in assetto antisommossa si disponeva in modo da bloccare tutti gli accessi. Una nuvola di lacrimogeni si è alzata in un angolo. Poco dopo almeno altri due candelotti sono stati sparati verso il centro della piazza.

Creare spazi di dialogo

Samuel Zouari, dell’unione studentesca Solidaires étudiant-e-s, fissava le squadre di poliziotti che cominciavano ad avanzare verso il centro della piazza. Ha riferito che era venuto sapendo di rischiare l’arresto. “C’erano tutte quelle cose sul continuare a vivere le nostre vite, a uscire la sera e a fare quello che si pensa sia roba francese”, ha detto. “Protestare è un modo per continuare a vivere le nostre vite”.

Alla fine, 174 persone sono state tratte in arresto.

Il ruolo principale di Domenjoud nell’organizzazione della protesta contro la Cop21, mi ha detto, è stato quello di organizzare un’équipe legale, in parte per fornire assistenza a chi sarebbe stato comunque arrestato durante le manifestazioni di protesta, come quella di domenica. Ma ciò a cui teneva di più era il tentativo di creare spazi per il dialogo attorno alla conferenza. “Il mio obiettivo principale non era quello di avere una grande protesta. La cosa più importante era avere qualcosa da mangiare e un posto per dormire”, ha affermato. “Così potevamo incontrare le persone la sera e scambiarci gli indirizzi”.

Anche se deve andare a firmare il registro delle presenze alla stazione di polizia tre volte al giorno, Domenjoud è libero di muoversi nel suo quartiere di periferia. Ha cominciato a tenere degli incontri informali tutti i pomeriggi alle due e mezzo nella sua biblioteca collettiva, dove nonostante la pressione della polizia, gli attivisti possono ritrovarsi per costruire con calma un movimento.

(Traduzione di Alessandro de Lachenal)

Questo articolo è uscito su The Intercept.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La Colombia sceglie una politica coraggiosa con i migranti
Dylan Baddour
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.