A Genova una nuova ondata di petrolio uscito da un oleodotto rischia di finire in mare.

23 aprile 2016 16:56

A Genova una nuova ondata di petrolio uscito da un oleodotto rischia di finire in mare. Una diga di contenimento sul torrente Polcevera, creata per contenere il greggio fuoriuscito da una tubatura dell’oleodotto Iplom domenica scorsa, ha ceduto a causa dell’innalzamento del livello del corso d’acqua dovuto alle piogge. Una striscia di petrolio lunga due chilometri e larga cinquecento metri è stata individuata nel mare di fronte a Loano, in provincia di Savona, ma secondo le autorità marittime non è da attribuirsi al cedimento della diga.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La macchina del consenso di Erdoğan
Annalisa Camilli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.