28 settembre 2021 11:09

Corea del Nord
Il 28 settembre il regime ha lanciato un missile a corto raggio in mare, al largo della costa orientale del paese. Poco dopo l’ambasciatore nordcoreano alle Nazioni Unite, Kim Song, ha rivendicato in un discorso all’assembla generale a New York il “diritto di testare nuove armi” in risposta alla “politica ostile” di Stati Uniti e Corea del Sud.

Stati Uniti
Il 27 settembre un tribunale di New York ha riconosciuto il cantante r&b R. Kelly colpevole di aver diretto per anni un “sistema” per lo sfruttamento sessuale di giovani, tra cui alcune minorenni. R. Kelly, 54 anni, è stato riconosciuto colpevole di tutti e nove i nove capi d’accusa per cui era stato incriminato, tra cui associazione a delinquere. La pena, che potrebbe arrivare all’ergastolo, sarà annunciata nel maggio 2022.

Nigeria
Le autorità dello stato di Kaduna, nel nordovest del paese, hanno annunciato il 27 settembre che 34 persone sono morte il giorno prima in un attacco condotto da uomini armati non identificati nel villaggio di Madamai, mentre un’altra persona è stata uccisa nel villaggio di Jankasa. Altri uomini armati avrebbero condotto un attacco di rappresaglia nel villaggio di Kacecere, uccidendo otto persone. Le violenze potrebbero essere legate alle tensioni tra le comunità di agricoltori e di pastori della zona.

Yemen
Il 27 settembre fonti militari hanno affermato che 67 persone sono morte nelle ventiquattr’ore precedenti nei combattimenti tra le forze governative e i ribelli huthi nelle province di Marib e Shabwa. Nel febbraio scorso i ribelli hanno lanciato un’offensiva per conquistare la città di Marib, che è difesa dalle forze governative con il sostegno dell’aviazione saudita.

Polonia
Il 27 settembre le regioni della Piccola Polonia (sud), della Precarpazia (sudest) e di Lublino (est) hanno revocato delle risoluzioni in cui si proclamavano “zone libere dall’ideologia lgbt”. La settimana scorsa anche la regione della Santacroce (centrosud) ha revocato una risoluzione simile. A luglio la Commissione europea aveva avviato una procedura d’infrazione contro la Polonia, denunciando la natura discriminatoria delle risoluzioni, e aveva minacciato di tagliare i finanziamenti alle regioni coinvolte.

Grecia
Un sisma di magnitudo 6 sulla scala Richter ha colpito l’isola di Creta, causando un morto e undici feriti. I danni più gravi sono stati segnalati nella cittadina di Arkalochori, nel centro dell’isola, dove varie case sono crollate. La vittima è un operaio edile che stava lavorando all’interno di una chiesa.