Il titolo razzista

22 ottobre 2013 13:37

Quando commettono un crimine di qualunque natura, nei titoli di giornale sono “egiziani”. Quando muoiono travolti da un’auto sono “una donna incinta e il suo bambino di quattro anni”.

Quando ho scritto questa frase su Facebook qualcuno ha risposto che comunque il conducente italiano si è fermato, ha prestato soccorso ed è risultato negativo al test dell’alcol, mentre la donna egiziana ha attraversato in un punto pericolosissimo. “Praticamente un suicidio”.

La mia riflessione però non ha nulla a che vedere con i dettagli di un drammatico fatto di cronaca. Quello che voglio sottolineare riguarda il giornalismo: la nazionalità degli stranieri entra nei titoli solo se hanno commesso una colpa o un reato.

E per verificarlo basta fare un semplice esercizio: stamattina cercando “egiziano” su Google News si trovano titoli su un’aggressione, uno scafista, un omicidio, un caso di racket e uno di spaccio di droga. E questo solo nella prima schermata.

Se cercate “egiziana”, invece, scoprirete che la nazionalità della donna morta ieri con il figlio in un incedente stradale a Milano è riportata nel titolo solo dall’Avvenire e dall’Agi. Mentre nessuno parla di quella dell’automobilista che l’ha investita.

I titoli sarebbero stati gli stessi se la donna e il bambino fossero stati italiani e il conducente egiziano? Sicuramente no.

Mettere nel titolo la nazionalità di una persona serve a identificare subito il criminale come straniero, tranquillizzando i lettori sul fatto che non è stato “uno di noi” e, allo stesso tempo, indicandogli quale popolazione va considerata come il cattivo. Nella maggior parte dei casi è un atto di razzismo.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Sei strategie per il pianeta
Claudia Grisanti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.