Digiuno

17 maggio 2018 14:17

Le forze di sicurezza egiziane hanno fatto irruzione a casa di Amal Fathy nella notte tra il 10 e l’11 maggio. Gli agenti hanno perquisito l’abitazione e confiscato i telefoni per impedirle ogni contatto con gli avvocati. Poi l’hanno arrestata insieme al marito Mohamed Lotfy, direttore della Commissione egiziana per i diritti e le libertà, e al figlio di tre anni. Lotfy e il bambino sono stati rilasciati poco dopo, perché hanno la doppia nazionalità egiziana e svizzera, mentre Amal Fathy è stata messa in custodia preventiva per quindici giorni.

L’accusa ufficiale è uso distorto dei social network, diffusione di notizie false e attentato alla sicurezza dello stato. Fathy rischia l’ergastolo e la pena di morte. Il pretesto, spiega Riccardo Noury di Amnesty international, “è un video di 12 minuti pubblicato su Facebook in cui Fathy ha criticato il disinteresse del governo verso i diritti umani e delle donne”. Ma le ragioni del suo arresto potrebbero essere anche altre.

Lotfy e l’ong di cui è direttore sono consulenti legali della famiglia di Giulio Regeni, il ricercatore italiano torturato e ucciso al Cairo nel gennaio del 2016 mentre stava lavorando alla sua tesi di dottorato sui sindacati egiziani. Secondo Paola Deffendi, la madre di Regeni, si tratterebbe dunque di un nuovo episodio d’intimidazione, il settimo che colpisce in particolare l’ong egiziana. Ed è avvenuto quattro giorni prima dell’arrivo al Cairo di Sergio Colaiocco, il sostituto procuratore che segue le indagini sulla morte di Regeni. Colaiocco è andato in Egitto con una squadra di inquirenti e tecnici italiani per cercare di acquisire altre prove.

Il 15 maggio Paola Deffendi ha cominciato un digiuno a staffetta per chiedere il rilascio di Amal Fathy: “Nessuno deve più pagare per la nostra legittima richiesta di verità sulla scomparsa, le torture e l’uccisione di Giulio. Vi chiediamo di digiunare con noi, fino a quando Amal non sarà finalmente libera. Noi siamo la loro speranza”.

Questa rubrica è uscita il 18 maggio 2018 nel numero 1256 di Internazionale, a pagina 7. Compra questo numero | Abbonati

pubblicità

Articolo successivo

Solo. A Star Wars story e gli altri film del weekend
Piero Zardo