L’Italia delle tre frustrazioni

27 febbraio 2014 16:00

Giuseppe De Rita e Antonio Gualdo, Il popolo e gli dèi

Laterza, 103 pagine, 14 euro

Cosa ha ridotto l’Italia a un paese in cui nessuno può dirsi contento del presente né speranzoso per il futuro? Esaurita la fase in cui l’unica risposta possibile per metà degli italiani era “Berlusconi” e per l’altra metà “i nemici di Berlusconi”, vanno affacciandosi ricostruzioni più complesse. Secondo De Rita e Gualdo è stato l’intreccio di tre processi.

Il primo è la perdita della sovranità. Dai sindaci al capo del governo, nessuno sembra avere il potere di fare nulla perché le decisioni sono prese lontano, soprattutto in Europa.

Il secondo è la crisi della rappresentanza. Nella prima repubblica partiti e sindacati hanno fatto da trasmissione tra governanti e governati mettendo in moto un circolo tutto sommato virtuoso tra decisioni politiche e processi economici. Oggi non è più così e si cercano con fatica nuove forme di rappresentanza, magari affidandosi alla tecnologia.

Il terzo processo è la crisi economica, che, soprattutto per l’aumentato peso della ricchezza finanziaria, ha portato all’ampliamento enorme delle diseguaglianze. Così, complessivamente, cresce la distanza tra pochi “dèi” lontani (politici, ricchi, istituzioni finanziarie internazionali) e un “popolo” frustrato. Non mancano le proposte di soluzione, basate su un piano di organizzazione per partecipare alle politiche europee che, sorprendentemente, si rivela simile a quello proposto da Alexis Tsipras.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.