Viaggiatori in tilt

08 aprile 2011 10:27

*Cara Milana, l’estate prossima vorrei andare in Messico, mentre la mia ragazza preferisce la Thailandia. Come evitare una crisi? *

La cosa fondamentale è che nessuno dei due abbia paura di volare né desideri passare l’estate a guardare la televisione sul divano. Detto questo, come aiutare due viaggiatori a mettersi d’accordo sulla destinazione?

La cosa più semplice sarebbe andare quest’anno in Thailandia e l’anno prossimo in Messico o viceversa. Così non avreste più motivo di litigare. Se nessuno dei due vuole cedere sulla meta forse c’è un motivo nascosto: una sottile insoddisfazione di coppia, che vi spinge a litigare per portare in superficie conflitti più complessi. Potreste anche fare le vacanze separate, ma non è proprio uno scenario romantico.

Per fortuna esiste un’altra possibilità: scegliete una nuova destinazione, per esempio lo Sri Lanka. Sarebbe la soluzione in stile Hegel, che ha costruito tutto il suo sistema filosofico su tesi e antitesi dalle quali discende la sintesi. Mentre scrivo non faccio che domandarmi cosa farei al posto vostro.

Il Messico mi fa venire in mente solo il narcotraffico, in Thailandia c’è una prostituzione fiorente. Però ci sono anche spiagge, templi, escursioni… ma quando da noi è estate là non è forse la stagione delle piogge? Non conosco bene il paese, quindi non so qual è il momento migliore per andarci. Forse d’estate in Messico e d’inverno in Thailandia. E vissero tutti felici e contenti.

*Traduzione di Ivana Telebak.

Internazionale, numero 892, 8 aprile 2011*

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La musica di Clap! Clap! per i Sassi di Matera
Giovanni Ansaldo
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.