Un carnevale particolare

03 marzo 2014 16:33

Camminare per le strade di São Paulo lo scorso weekend è stata un’esperienza surreale per chiunque avesse poca dimestichezza con la cultura brasiliana o non fosse al corrente dell’attuale situazione politica del paese. Il 22 febbraio c’erano gruppi in maschera mischiati a manifestanti che gridavano slogan di protesta e sventolavano bandiere di partito. Mentre i primi cercavano di raggiungere uno dei blocos, i tradizionali gruppi che sfilano al ritmo di samba durante il carnevale, gli altri provavano a unirsi a una manifestazione contro i Mondiali, la seconda in un mese.

La manifestazione è stata convocata da una coalizione di movimenti, professori, operatori della sanità e giovani dei partiti di sinistra. La strategia è di organizzare una marcia al mese a São Paolo per protestare contro la carenza d’investimenti in settori prioritari. Questa volta il tema centrale era il sistema scolastico brasiliano. Ma la manifestazione è sfociata in una mini sceneggiata, proprio come le parate del carnevale.

I 1.500 partecipanti sono stati scortati da un cordone di polizia composto da quasi altrettanti agenti. Dopo circa un’ora, la polizia militare ha disperso la folla con gas lacrimogeni e ha isolato il gruppo di testa, dove c’erano alcuni black bloc. Più di duecento persone sono state circondate da un numero almeno doppio di poliziotti e arrestate per alcune ore senza potersi muovere o andare al bagno, per poi essere trasferite in questura per l’identificazione.

Con quest’operazione la polizia ha fatto capire di essere pronta a ricorrere a nuove tattiche per assicurare dei Mondiali tranquilli ai turisti stranieri. L’operazione è stata salutata con entusiasmo da alcuni mezzi d’informazione e dal governatore dello stato, Geraldo Alckmin. Un sondaggio dell’istituto Datafolha ha rivelato che il sostegno dell’opinione pubblica alle proteste è sceso dall’81 al 52 per cento da giugno 2013.

Secondo un altro sondaggio dell’istituto Ipobe, anche l’entusiasmo per i Mondiali è sorprendentemente basso: solo il 58 per cento degli intervistati è favorevole alla manifestazione, mentre il 38 per cento crede che dovrebbe svolgersi in un altro paese. Naturalmente non tutti scenderanno in piazza. E mentre molti continueranno a manifestare, l’altra metà dei brasiliani vuole solo ballare la samba. Almeno fino alla fine del carnevale.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Per il premier iracheno si prepara la resa dei conti
Zuhair al Jezairy
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.