Donald Trump durante un comizio a Carmel, in Indiana, il 3 maggio 2016. (Aaron P. Bernstein, Reuters/Contrasto)

Paragonare Donald Trump a Silvio Berlusconi è sbagliato

Donald Trump durante un comizio a Carmel, in Indiana, il 3 maggio 2016. (Aaron P. Bernstein, Reuters/Contrasto)
24 maggio 2016 11:32

Osservando dall’Italia l’ascesa di Donald Trump si ha spesso la sensazione di guardare un vecchio film, tanto è forte l’impressione di déjà-vu. Molto, in questa vicenda, ricorda il tempo in cui Silvio Berlusconi – anche lui proveniente dal mondo dell’immobiliare e dello show business, anche lui ossessionato dagli effetti che ha la sua chioma sugli altri – è comparso sulla scena politica e l’ha calcata come nessuno aveva mai fatto, con scaltrezza e modi grotteschi, affascinando e scombussolando il pubblico in pari misura con le sue semplificazioni ed esagerazioni.

I parallelismi tra The Donald e il Cavaliere sono così numerosi che i giornalisti americani si rivolgono regolarmente ai mezzi d’informazione italiani per saperne di più sul fenomeno e per cercare di capirne il senso. Di solito chiedono a Beppe Severgnini del Corriere della Sera, un ex corrispondente del settimanale The Economist – che quindi sa l’inglese. Severgnini è un brillante interprete dell’italianità, che di norma, nelle sue rubriche e nei suoi libri spiega agli italiani perché sono come sono.

Una ricetta contro demagogia e populismo

Ma quando lo chiamano gli americani, Severgnini non si limita a fare l’esegesi di Berlusconi, cioè dell’originale: consiglia anche all’opinione pubblica statunitense che ha a cuore il problema cosa bisognerebbe assolutamente fare per impedire che la copia, cioè Donald Trump, vada davvero al potere. L’elenco delle regole dettate da Severgnini suona come una ricetta sicura contro tutti i demagoghi e i populisti dei nostri tempi, applicabile quasi ovunque.

  • Fate tutto il contrario di quel che abbiamo fatto in Italia.
  • Non demonizzate Trump così come noi abbiamo demonizzato Berlusconi; non lasciatevi ossessionare né ipnotizzare da lui, perché lo rafforzereste soltanto.
  • Resistete alla tentazione, anche forte, di considerarlo un personaggio comico.
  • Non prendetelo neanche troppo sul serio quando dice l’indicibile: lo fa solo per attirare l’attenzione.
  • Piuttosto costringetelo a mettere in concreto tutti i propositi che elenca. Insomma, costringetelo a essere noioso.
  • Non crediate che il suo populismo cada nel vuoto e che non sarà eletto.
Donald Trump prima di un dibattito sulla politica estera all’hotel Mayflower di Washington, il 27 aprile 2016. (Jim Bourg, Reuters/Contrasto)

L’Italia dimostra che gli elettori di solito sono favorevoli a proposte politiche nuove, a nuove versioni della storia, senza tabù, presentate in modo clamoroso e politicamente scorrette. Era così già vent’anni fa e oggi la tentazione è di nuovo forte.

Anche sul piano dello stile i due si somigliano molto. Come Berlusconi, Trump sbandiera i suoi successi negli affari. Si vende come un fabbricante di sogni, come la prova vivente del fatto che volendo e lavorando sodo chiunque può riuscire ad avere un sacco di soldi, belle auto, belle case e belle donne. Naturalmente sono bufale, nessuno dei due è uno che si è fatto da solo in senso classico, ma questo non ha intaccato la loro versione della storia, e per tanti la loro ricchezza ne è la prova.

Anche gli italiani, al tempo, si erano detti “Berlusconi ha tanti di quei soldi che non verrà a rubarceli a noi”. È vero che, in quanto miliardari, sia Berlusconi sia Trump si muovono ai piani alti dell’establishment. Però riescono ugualmente a spacciarsi per outsider e per paladini della gente comune. Sollecitano i bassi istinti e alimentano desideri di rivincita che in un altro scenario potrebbero rivolgersi contro di loro. Ma per entrambi la coerenza delle idee non conta poi molto: ha più importanza l’immagine.

Queste dunque sono le somiglianze tra i due. Ma per quanto possano essere impressionanti e sbalorditive, le differenze sono ben più significative.

Trump ha dovuto conquistare un partito con le primarie. Berlusconi se ne è fabbricato uno tutto suo

Nel 1993, quando Berlusconi decise di “scendere in campo”, la prima repubblica era in macerie. I politici che lo avevano sostenuto, aiutandolo a costruire il suo impero mediatico, erano stati rovesciati da Tangentopoli. Per proteggere i suoi affari e se stesso dalla magistratura, a Berlusconi non restava quasi nient’altro che andare a Roma per procurarsi l’immunità politica.

Ma per arrivare al potere non ha avuto bisogno di conquistare un partito come ha dovuto fare Trump nelle primarie repubblicane e contro tutta la leadership del Grand old party. Berlusconi si è semplicemente fabbricato un nuovo partito tutto suo, rubando per sempre agli italiani il grido di battaglia che ne è diventato il nome, Forza Italia.

Visto il vuoto e la crisi politica di allora, gli è stato facile riunire le destre attorno a sé. Ma ha avuto gioco facile soprattutto perché, oltre che di testate quotidiane e settimanali, era proprietario anche di tre emittenti televisive nazionali che hanno fatto da cassa di risonanza alla sua propaganda, entrando nella testa della gente e agendo come martelli pneumatici.

Niente da ridere

Trump non dispone di un analogo potere nei mezzi d’informazione. D’accordo, in passato è comparso in un format televisivo in cui interpretava se stesso, dando prova in quella circostanza di apprezzabili qualità di showman. Ma era soltanto uno spettacolo, appunto. Invece Berlusconi era lo spettacolo: era lui, sempre e ovunque, il mezzo, il regista, il messaggio e al tempo stesso il messaggero. Con le sue emittenti poteva plasmare a suo piacimento e convenienza l’opinione pubblica. E quel vortice si è tirato dietro nell’abisso anche tutti gli altri canali, compresi quelli Rai.

Per ben tre volte Berlusconi è riuscito a diventare presidente del consiglio. Ha governato in totale nove anni. Gli italiani hanno continuato a votarlo – e la cosa stupisce ancora – anche quando aveva già dimostrato a sufficienza di aver fallito come leader, come “presidente e amministratore delegato dell’azienda Italia”. Se Trump diventasse presidente degli Stati Uniti avrebbe molto più potere di quanto ne abbia mai avuto Berlusconi: avrebbe il potere decisionale di premere il fatale “tasto rosso”. In altre parole, il mondo poteva anche ridere dell’Italia sotto Berlusconi, ma sotto Trump nessuno se la sentirebbe di ridere degli Stati Uniti.

Nessuno dei due ha molto a cuore le virtù dell’uomo perbene, anzi

Di recente qualcuno ha domandato a Berlusconi cosa pensasse del fatto che Trump è stato soprannominato “il Berlusconi d’America”. Lui, furbo, ha risposto che tutti sono liberi di fare i paragoni che preferiscono. “A me”, ha poi aggiunto, “Trump sembra piuttosto un incrocio tra Salvini e Grillo”. Una frase detta senza l’intento di far piacere. Quanto a Trump, invece, risulta che Berlusconi gli vada a genio. “Mi sta molto simpatico”, ha detto una volta: “È un uomo perbene”. Nessuno dei due ha molto a cuore le virtù dell’uomo perbene, anzi: ogni tanto si ha proprio l’impressione che la mancanza di rispettabilità sia per loro un’utile arma politica.

Il consiglio più pittoresco che Beppe Severgnini ha offerto agli americani risale allo scorso autunno ed è uscito sul New York Times, quando sembrava ancora possibile scongiurare l’ascesa di Trump: “Non comprate niente da lui”, ha esortato coloro che si sentivano attratti dalla sua retorica. “Comportatevi come se vi trovaste di fronte a un loquace venditore di automobili: fategli un sacco di domande e pretendete risposte concrete. Aprite il cofano, controllate i freni. E non fatevi assolutamente convincere a fare un giro di prova. Trump sarebbe capace di far scattare le serrature degli sportelli, partire a razzo e schiantarsi con l’auto contro il muro più vicino”.

(Traduzione di Marina Astrologo)

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.