Raqqa, Siria, il 28 luglio 2017. (Rodi Said, Reuters/Contrasto)

A Raqqa è in gioco anche il futuro dei curdi

Raqqa, Siria, il 28 luglio 2017. (Rodi Said, Reuters/Contrasto)
04 agosto 2017 12:52

Ilham Ehmed, copresidente del Consiglio democratico siriano, ha incontrato gli inviati della Reuters nella città siriana di Kobane. A 150 chilometri a sud di Kobane, a Raqqa, i compagni di Ehmed delle Forze democratiche siriane (Sdf) stanno combattendo contro il gruppo Stato islamico (Is). Le Sdf ricevono aiuto dagli incessanti bombardamenti aerei dell’aviazione statunitensi, che colpisce bersagli militari e civili. Ehmed ha dichiarato alla Reuters di sperare che gli Stati Uniti continueranno a impegnarsi in Siria anche dopo la cacciata dei jihadisti da Raqqa: “Se gli statunitensi vogliono proteggere quelle aree e il loro paese dal terrorismo devono continuare ad aiutarci fino a quando in Siria non ci sarà un sistema democratico”.

Sia l’amministrazione Obama sia l’amministrazione Trump hanno capito che l’Is non può essere sconfitto a Raqqa senza un attacco di terra. Gli Stati Uniti possono distruggere qualsiasi bersaglio dal cielo, ma non è così che si vincono le battaglie. Non volendo inviare un importante contingente sul campo, Washington ha cercato alleati tra i diversi gruppi militanti che combattono in Siria, ma il tentativo di creare un “gruppo ribelle moderato” in Siria è fallito nonostante i milioni di dollari spesi. Nel 2014, dopo che l’Is aveva consolidato la sua presenza a Raqqa, è apparso evidente che per gli Stati Uniti non esisteva una soluzione facile per sconfiggere i jihadisti sul campo.

L’entrata in campo dei curdi
Alla fine del 2014 l’Is ha stretto d’assedio Kobane. I civili e i combattenti curdi, bloccati in città, sembravano spacciati. La Turchia, al cui confine si trova Kobane, ha chiuso i suoi confini intrappolando gli abitanti della città. È stato in quel momento che i politici curdi iracheni hanno fatto pressione sugli Stati Uniti e la Turchia perché alcuni dei loro combattenti potessero attraversare il confine turco ed entrare a Kobane. Hanno anche chiesto agli Stati Uniti di bombardare alcuni dei bersagli più importanti dell’Is e di fornire aiuti militari ai combattenti curdi, le Unità di protezione popolare (Ypg). La combinazione tra il supporto aereo statunitense e la determinazione dei combattenti delle Ypg ha respinto i miliziani dell’Is, che sono rientrati a Raqqa.

A quel punto per l’esercito e l’intelligence statunitensi è apparso evidente che le Ypg sarebbero state uno strumento utile nella futura guerra contro l’Is a Raqqa. Ma c’era un problema. I territori conquistati dalle Ypg nel nord della Siria si trovano al confine con la Turchia. Ankara non era contenta di questa nuova alleanza, anche perché ritiene che le Ypg siano legate al Partito dei lavoratori curdi (Pkk), considerato un’organizzazione terrorista dal governo turco.

Le Ypg sono state effettivamente addestrate dal Pkk e i legami tra i leader politici curdi siriani e i loro compagni turchi sono molto stretti. Quando il fondatore del Pkk Abdullah Öcalan si trovava in Siria aveva incontrato e influenzato molti degli attuali leader del Consiglio democratico siriano, tra cui Ehmed. La Turchia si è opposta con forza alle decisioni degli Stati Uniti, e questo è uno dei motivi delle recenti tensioni tra i due paesi.

Una federazione siriana
I leader curdi siriani hanno sostenuto più volte di non combattere per creare uno stato curdo indipendente. Nel 2014 hanno dichiarato che gli Stati Uniti stavano aprendo la strada alla nascita di una Siria federale. I curdi “vogliono un sistema decentralizzato in Siria”, ha spiegato Ehmed all’inizio del 2017. “Un sistema decentralizzato garantirebbe i diritti di tutti i popoli che vivono in Siria e non solo quelli dei curdi. Tutti i popoli all’interno della federazione del nord si autogoverneranno e si discuterà sotto il controllo di un parlamento siriano federale. Un sistema di questo tipo unirebbe la Siria e garantirebbe i diritti del suo popolo”.

Per dimostrare di non essere una forza esclusivamente curda, i combattenti curdi insieme ad altre unità hanno creato il gruppo Forze democratiche siriane, il cui organo politico è diventato il Consiglio democratico siriano. L’associazione con il separatismo curdo è sparita, ma la bandiera del Kurdistan e gli emblemi politici curdi sono ancora presenti tra i combattenti e negli uffici dei leader (il generale americano Raymond Thomas, capo del comando delle operazioni speciali, ha dichiarato di recente che sono stati gli americani a invitare i curdi a “cambiare marchio”. Quando i curdi hanno proposto il nome Forze democratiche siriane, Thomas ha “pensato che fosse un colpo di genio inserire la parola ‘democrazia’ in quella situazione. Comunque, dava un po’ di credibilità all’organizzazione”).

Ora che le forze irachene hanno cacciato il gruppo Stato islamico da Mosul, l’indipendenza curda è di nuovo sul tavolo

Per rafforzare la loro posizione, le Forze democratiche siriane hanno accolto mille soldati delle forze speciali statunitensi in Siria. In una recente intervista il comandante delle Ypg Sipan Hemo ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno costruito sette basi militari nell’are controllata dalle Sdf (e dalle Ypg). Una di queste strutture è una grande base aerea nei pressi di Kobane. Le basi, naturalmente, violano la sovranità della Siria, ed è per questo che gli Stati Uniti non vogliono parlarne pubblicamente. La campagna contro Raqqa è partita il 6 giugno di quest’anno, con frequenti bombardamenti sulla città e l’avanzata delle Sdf attraverso i villaggi attorno a Raqqa.

Le ritorsioni di Ankara
Le rapide avanzate delle Forze democratiche siriane hanno preoccupato la Turchia. Il governo di Ankara ha inviato le sue truppe in Siria per sostenere gli alleati della Turchia lungo il tratto nordoccidentale del confine. Il vice primo ministro turco Numan Kurtulmus ha dichiarato che se i curdi siriani si sposteranno a ovest dell’Eufrate la Turchia “reagirà con forza”.

Le forze legate ad Ankara nella regione, le brigate Liwa al Mutasim, hanno fatto sapere di essere pronte a combattere i curdi siriani se dovessero avvicinarsi. Mustafa Sijri, capo delle al Mutasem, ha dichiarato che i suoi soldati si stanno addestrando con l’esercito turco per “espellere i separatisti estremisti”, ovvero i curdi siriani.

pubblicità

Le brigate Liwa al Mutasim, che hanno fatto parte dell’Esercito libero siriano e probabilmente sono state addestrate dalla Cia, e le forze turche si preparano a espellere le unità curde da Tel Rifaat, che i curdi hanno conquistato nel febbraio del 2016. Circa 150mila profughi hanno lasciato la città e l’area circostante. Molti di loro vivono nel campo profughi di Sucu, in Turchia, e nel campo di Bab al Salam, vicino al confine turco.

Sijri ha dichiaro che il dialogo con le Sdf è fallito e che a questo punto resta solo la via delle armi. I soldati turchi hanno cominciato a colpire le postazioni delle Sdf, che hanno risposto al fuoco. La situazione è molto tesa. Tel Rifaat si trova ad appena 20 chilometri dal territorio turco. Si tratta di un punto caldissimo del conflitto.

Gli Stati Uniti hanno cercato di tranquillizzare i turchi dichiarando di aver armato le Sdf solo per la battaglia di Raqqa: secondo Washington le armi saranno riconsegnate dopo la sconfitta dell’Is. Il vice primo ministro turco Kurtulmus non ne è convinto, anzi ritiene che negli statunitensi abbiano creato un “piccolo esercito” e che nessuna forza militare sia disposta a riconsegnare le armi ricevute. Non è un ragionamento del tutto sbagliato, ed è per questo che Ilham Ehmed non vuole che gli Stati Uniti partano una volta conquistata Raqqa.

Ehmed, in ogni caso, non deve preoccuparsi, perché gli americani non hanno alcuna intenzione di andarsene.

In Iraq, il partito curdo che governa il nord del paese ha indetto un referendum sull’indipendenza per il prossimo 25 settembre. L’enclave curda, sostanzialmente un protettorato americano, ci aveva già provato nel 2014, ma aveva rinviato il voto a causa dell’avanzata dei jihadisti dell’Is. Ora che le forze irachene – con l’appoggio degli Stati Uniti e dell’Iran – hanno cacciato il gruppo Stato islamico da Mosul, l’indipendenza curda è di nuovo sul tavolo.

L’inviato speciale del presidente americano Brett McGurk ha invitato i curdi iracheni ad annullare il voto, nel timore che il referendum possa distrarre il paese dalla battaglia contro l’Is. Il primo ministro Haider al Abadi in tono velatamente minaccioso ha dichiarato che non intende “inviare i carri armati” per bloccare il referendum.

Le truppe turche sono pronte a stroncare l’ascesa di un’enclave curda in Siria, mentre le forze irachene potrebbero intervenire per scongiurare l’indipendenza di un Kurdistan iracheno. Gli Stati Uniti si oppongono all’affermazione dell’indipendenza curda, e si limitano a usare i curdi, sia in Iraq sia in Siria, per raggiungere i loro obiettivi. Anche se la mancanza di alternative ha spinto i curdi siriani nell’orbita statunitense, il loro obiettivo resta quello garantire la crescita del potere curdo in Siria. Non è chiaro se riusciranno a utilizzare gli americani a loro favore. La storia ci dice che una volta persa la loro utilità, saranno messi da parte senza tante cerimonie.

(Traduzione di Andrea Sparacino)

Questo articolo è uscito sul sito d’informazione Alternet.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il club del tradimento
Dan Savage
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.