Sommario

662 (13/19 ottobre 2006)

Anna Politkovskaja

1958 - 2006

662 (13/19 ottobre 2006)

Scienza e tecnologia

Il piccolo grande spettacolo dei Nobel

Opinioni

Il numero: 6,5%

pubblicità

Opinioni

Gli eterni bambini

Viaggi

L’ombelico del mondo

Lorenzo Cherubini per Internazionale

Cultura

Cinema, libri, musica, tv

pubblicità

Società

Dakar - Madrid solo andata

Dopo sette giorni e duemila chilometri di traversata atlantica su una barca stracarica, Alioune è arrivato in Spagna. Adesso deve pensare ai quaranta parenti che aspettano il suo aiuto in Senegal

Francia

Il paradiso dei cinefili

Parigi è un punto di riferimento per chi ama il cinema. L’offerta delle sue 375 sale è ampia e di qualità, ma è messa a rischio dalla concorrenza dei multiplex

Opinioni

La lingua inglese dei libri indiani

Visti dagli altri

Tutti i trucchi del centrosinistra

È la solita finanziaria all’italiana: uno specchietto per le allodole che non risolve il problema del deficit e fa contenti solo gli alleati di sinistra. La bocciatura dell’Economist

Afghanistan

La pace lontana

Kandahar è sotto assedio, in due province si combatte una vera e propria guerra, il presidente Hamid Karzai è sempre più solo. Cos’è andato storto in Afghanistan?

pubblicità

Asia e Pacifico

La nuova guerra del Vietnam

Una bella sforbiciata

Scegliete un brano del vostro romanzo, contate le battute e poi riducetele di un quarto, partendo da avverbi e aggettivi. Tagliare interi paragrafi non vale. Leggi

Opinioni

Il boicottaggio è utile?

Basta

Le coincidenze non esistono, ma mentre Anna Politkovskaja veniva assassinata a Mosca, Vladimir Putin festeggiava il suo compleanno a San Pietroburgo. “Devi avere la notizia per prima, ma prima devi avere la notizia esatta”, dice il giornalista Joe Strombel nell’ultimo film di Woody Allen. E Anna Politkovskaja la notizia esatta la scriveva da anni: la guerra in Cecenia è una vergogna, di cui Putin è responsabile con il colpevole silenzio dell’Europa e degli Stati Uniti. Una lettrice chiede cosa si può fare per evitare che tra due giorni questo omicidio venga dimenticato. Il nostro ministro degli esteri saprà stupirci? Ora basta, potrebbe dire a Putin, il limite è stato superato. Nell’articolo che pubblichiamo a pagina 20, Anna Politkovskaja parla del suo cane, un bloodhound di nome Van Gogh. È così che l’hanno voluta ricordare i suoi colleghi della Novaja Gazeta. Basta leggere l’articolo per capire perché. Leggi

Economia e lavoro

Nel regno dei libri contraffatti

pubblicità

Americhe

Il primo desaparecido della democrazia

Portfolio

L’unica via

Le foto di David McNew

Scienza

La fattoria degli animali gay

Per i biologi l’omosessualità è una specie di difetto. Ma nuovi studi sugli animali mostrano che la teoria darwiniana della selezione sessuale è superata: mammiferi, pesci e uccelli hanno rapporti con esemplari dello stesso sesso

Società

Storie vere, cruciverba e altro

La sfida latina

Gli Stati Uniti contavano sull’America Latina per le risorse, i mercati e gli investimenti. Leggi

pubblicità

Opinioni

La guida sexy egiziana

Opinioni

Oasi di dolcezza

Africa e Medio Oriente

Lo sguardo dell’altro

Europa

Tra Bucarest e Sofia pareggio europeo

Opinioni

La parola: palliativista

Opinioni

Un prete di cui fidarsi

Opinioni

Educazione ad alta quota

Ritratto

Jürgen Hass. Sono il padre di tutti

Ha riconosciuto la paternità di 350 figli di immigrate per fargli avere un passaporto tedesco e l’assistenza sociale. Ma non l’ha fatto solo per altruismo

Opinioni

Vivere nella paura a Nablus

Una donna sola

Anna Politkovskaja era famosa per le sue inchieste sulla Cecenia. Ma la Novaja Gazeta l’ha ricordata ripubblicando questo articolo su un amico speciale. Leggi

Opinioni

Holga

Opinioni

Finanza islamica

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.