Sommario

661 (29 settembre/5 ottobre 2006)

Il segreto di Lula

Il presidente brasiliano corre per un secondo mandato. Malgrado gli scandali per corruzione, ha conquistato la fiducia dei mercati e il cuore dei poveri. E potrebbe vincere ancora

661 (29 settembre/5 ottobre 2006)

Opinioni

Pongo

In copertina

Il segreto di Lula

Il 1 ottobre i brasiliani votano per eleggere il nuovo presidente. Lula è il candidato favorito. Nonostante gli scandali che hanno travolto il suo partito

pubblicità

Africa e Medio Oriente

Abidjan, la discarica dell’occidente

Viaggi

L’isola dei lemuri

Spiagge candide e foreste impenetrabili, villaggi addormentati e una rumorosa capitale, alberghi esclusivi e campeggi spartani. Il Madagascar è un paese povero, ma la varietà è la sua ricchezza

Portfolio

La città perduta

Le foto di Pieter ten Hoopen

pubblicità

Opinioni

Il numero: 4,74%

Economia e lavoro

Quando si parla d’affari

Americhe

Chávez punta all’Onu

Sciopero

La prossima settimana niente Internazionale: aderiamo allo sciopero della Federazione nazionale della stampa. Ma non siamo contenti. Né come giornalisti, da quasi 580 giorni senza contratto. Né per i lettori, che vengono puniti per colpire gli editori. Gli scioperi penalizzano in particolare i giornali come il nostro, che devono gran parte dei loro ricavi alle vendite in edicola e agli abbonamenti – dunque ai lettori. Mentre colpiscono decisamente meno quei giornali, la maggior parte, che vivono soprattutto grazie alla pubblicità. Perché le copie non vendute con lo sciopero non sono recuperabili, mentre la pubblicità che non esce oggi può uscire domani. È urgente che i sindacati trovino nuove forme di lotta, senza mettere a rischio il delicato rapporto tra giornali e lettori. In Italia e all’estero ci si chiede “chi ha ucciso i giornali”. Sarebbe davvero triste se tra i colpevoli ci fosse il sindacato dei giornalisti. Leggi

Opinioni

La parola: georadar

pubblicità

Opinioni

Ramadan in clausura

Australia

Il paradiso che non c’è

Palm Island ha un record: è il posto più pericoloso del mondo. Soprattutto per gli aborigeni, vittime di abusi e discriminazione. La storia di un’ingiustizia annunciata

Intercettazioni

– Pronto, ciao, come stai?

– Bene e tu?

– Non c’è male… Senti, ma tu la stai seguendo questa storia delle intercettazioni?

– Un po’, ma è difficile dare un giudizio.

– Sì, Berlusconi paladino della privacy fa davvero ridere. Ovviamente vuole solo impedire la pubblicazione di telefonate imbarazzanti e ostacolare i giudici.

– Secondo me però anche i giornali hanno un problema e sono preoccupati soprattutto di non poter più pubblicare le telefonate di politici e calciatori, che gli fanno aumentare le vendite.

– Tra l’altro vorrei sapere chi gliele passa, le intercettazioni, chi gliele vende.

– Ho letto che all’estero è difficilissimo fare le intercettazioni e i giornali stranieri non le pubblicano mai.

– Però alla fine è meglio un’intercettazione in più che una in meno: i leader politici devono essere nudi.

– Che schifo: te li immagini, tutti nudi? Comunque, non sono d’accordo: anche loro hanno diritto alla privacy.

– Ma poi perché il parlamento deve perdere tempo con le intercettazioni mentre il paese va a rotoli?

– Hai ragione. Anche noi dovremmo occuparci d’altro.

– A proposito, devo dirti una cosa.

– Cosa?

– No, te la spiego di persona quando ci vediamo.

– Ok, meglio.

– Ciao. Leggi

Italieni

Gli schiavi della Puglia

La scoperta di un traffico di lavoratori polacchi sfruttati e ridotti in schiavitù nei campi del foggiano ha fatto scattare decine di arresti.

Scienza e tecnologia

La cattedrale della fisica

pubblicità

Ritratto

Shinzo Abe. L’enigma giapponese

Il nuovo premier divide tutti. Gli avversari lo definiscono un pericoloso nazionalista, per i suoi sostenitori è il leader che riporterà il paese sulla scena mondiale

Opinioni

In trappola

Opinioni

Una serata al cinema

In copertina

Bilancio agrodolce

Non è un leader carismatico ma piace agli operai, alla chiesa cattolica e agli imprenditori. La forza di Lula è essere inoffensivo

Nessuna pietà

Un mio articolo non ha suscitato le reazioni che speravo, e questo mi ha profondamente deluso. Leggi

pubblicità

Opinioni

Un tempo la sinistra era il peggior nemico dell’estremismo islamico. Ma oggi ci sono segni di un’alleanza contro natura. L’analisi del politologo Fred Halliday

Opinioni

Matrimoni e decapitazioni

Opinioni

Atleti in trincea

Opinioni

Misfatti redazionali

Opinioni

L’isola dei razzisti

Società

Homo conexus

Il giornalista James Fallows ha passato due settimane sempre collegato a internet, navigando solo nei nuovi siti e servizi online chiamati web 2.0. Ecco i risultati del suo esperimento

Opinioni

La scatola magica

Corea del Nord

Superfalsi perfetti

Gli Stati Uniti accusano la Corea del Nord di fabbricare e spacciare milioni di dollari contraffatti con l’aiuto di banche, mafiosi ed ex terroristi. Pyongyang nega

Asia e Pacifico

Tagikistan, elezioni senza sorprese

Europa

In Europa centrale torna il populismo

Opinioni

Il tritarifiuti è ecologico?

Il pantano dello scrittore

Quando mi capita, divento sempre più cupa e mi convinco che non scriverò mai più nulla. Poi, non si sa da dove, ecco balenare un lampo di energia. Leggi

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.