Dizionario

Le parole per ferire

Questa nota è un primo tentativo di censire le parole dell’odio circolanti in Italia e cercare di classificarle. È un contributo strettamente linguistico all’impegnativo e ben più vasto lavoro della commissione Jo Cox voluta dalla presidente della camera Laura Boldrini, sull’intolleranza, la xenofobia, il razzismo e i fenomeni di odio che trovano risonanza in rete. Leggi

È irresistibile l’ascesa degli anglismi?

Non è un fatto nuovo: da alcuni decenni impetuose ondate di anglismi si riversano nell’uso di chi parla e scrive le più varie lingue del mondo. Trent’anni fa e più un valoroso filologo, Arrigo Castellani, nel diffondersi di anglismi nell’uso italiano vide e diagnosticò un morbus anglicus, un virus capace di infettare e corrompere la lingua italiana. Ma del fenomeno ormai bisogna dire di più. Le ondate di anglismi non riguardano solo l’italiano. In italiano come in altre lingue l’afflusso di parole inglesi dagli anni ottanta ai nostri ha assunto dimensioni crescenti. Le ondate somigliano ormai a un susseguirsi di tsunami. Leggi

pubblicità
La capretta impertinente

Microchimera, microchimerico, microchimerismo: in un colpo solo queste tre parole sono cadute sotto gli occhi di quanti hanno letto in un numero di Internazionale un articolo di Andy Ridgway, lecturer di comunicazione della scienza nell’università del West England (Bristol) e collaboratore di quotidiani e periodici britannici. Per la maggior parte di lettrici e lettori, tolte eventualmente le persone che studiano genetica e biologia, è altamente probabile che l’incontro con queste parole sia stato il primo. Resterà l’unico o queste parole in un prossimo futuro rimbalzeranno spesso nel nostro parlare e scrivere? Leggi

L’autostrada di campagna

Se bastasse un dizionario per fare una buona traduzione, saremmo tutti traduttori. Leggi

Nuovo dizionario tascabile della fama e del successo

“Successo è sapere che sei arrivato al top”. Chi siamo, cosa facciamo e cosa desideriamo. L’immaginario nazionale si è corrotto. L’imitazione di Briatore fatta da Maurizio Crozza ne è lo specchio. Leggi

pubblicità