Edward Snowden

I passeggeri dell’Air France e di altre compagnie aeree sono stati spiati dai servizi segreti

I servizi segreti statunitensi e britannici hanno intercettato i telefoni di centinaia di migliaia di passeggeri sui voli della Air France e di altre compagnie aeree. Lo rivela una nuova inchiesta pubblicata da Le Monde in collaborazione con il sito The Intercept e basata sui documenti forniti dall’informatore Edward Snowden. Leggi

Cinque ragioni per vedere Snowden

Il giornalista del Guardian Luke Harding, autore di Snowden, spiega perché è importante leggere il suo libro e vedere il film diretto da Oliver Stone, ispirato anche al suo saggio. Leggi

pubblicità
La corte suprema norvegese respinge l’istanza di Edward Snowden per avere garanzie su un’eventuale estradizione.
La corte suprema norvegese respinge l’istanza di Edward Snowden per avere garanzie su un’eventuale estradizione. L’ex consulente dell’Nsa aveva chiesto garanzie allo stato norvegese per poter entrare nel paese senza essere arrestato ed estradato negli Stati Uniti. Ma la corte suprema ha confermato i verdetti emessi nei precedenti gradi di giudizio ribadendo che il governo norvegese non può fornire a priori garanzie di questo genere.
Snowden di Oliver Stone ci apre gli occhi sulla sorveglianza di massa

Il nuovo film di Oliver Stone non è solo la ricostruzione dell’incredibile vicenda dell’analista dell’Nsa. È un’opera che ci apre gli occhi sul controllo tecnologico acquisito dalle potenze mondiali e che misura la regressione delle democrazie occidentali. Leggi

I dati dei cittadini europei sono al sicuro negli Stati Uniti?

Gli Stati Uniti e l’Unione europea hanno raggiunto un accordo sulla protezione dei dati. Il cosiddetto Privacy shield consente alle aziende di registrare i dati personali degli europei sui server statunitensi. Leggi

pubblicità
Edward Snowden apre un account su Twitter.
Edward Snowden apre un account su Twitter. L’ex analista dell’Nsa e fonte dell’inchiesta datagate nel suo primo tweet ha scritto: “Riuscite a sentirmi?”. Snowden attualmente vive in Russia ed è ricercato dall’Fbi per aver diffuso documenti protetti dal segreto di stato.
Negli Stati Uniti esce la biografia a fumetti di Edward Snowden.
Negli Stati Uniti esce la biografia a fumetti di Edward Snowden. L’autore della graphic novel “Snowden” è Ted Ralls, ex vignettista del Los Angeles Times. Il libro racconta dell’ex consulente dell’Nsa e delle rivelazioni sulle attività di sorveglianza di massa portate avanti dall’agenzia statunitense dopo il 2001.
Cos’è il datagate e com’è cominciato

L’agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha spiato i presidenti francesi Jacques Chirac, Nicolas Sarkozy e François Hollande. La notizia ha creato imbarazzo diplomatico tra due i paesi e ha riaperto il dibattito sul datagate, che va avanti dal 2013. Ma cos’è il datagate e com’è nato? Leggi

La versione di Snowden

Edward Snowden, l’uomo che ha rivelato i segreti del programma di spionaggio e sorveglianza su scala mondiale della National security agency statunitense, ha concesso un’intervista esclusiva al Guardian. Da Mosca, dove vive per sfuggire alla giustizia americana, Snowden ha spiegato perché il diritto alla privacy riguarda tutti i cittadini e va difeso senza considerare i confini nazionali dei paesi. Leggi

Russia e Cina accedono ai documenti di Snowden, trasferiti agenti segreti britannici

Il Regno Unito ha trasferito diversi agenti dei servizi segreti dopo che Russia e Cina hanno avuto accesso a informazioni riservate che rivelano il modo in cui operano sul campo. Mosca e Pechino avrebbero decifrato dei documenti ottenuti due anni fa da Edward Snowden, l’uomo che ha rivelato i segreti del programma di spionaggio e sorveglianza della National security agency statunitense. In questo modo sarebbero entrate in possesso dei dettagli riguardanti le tecniche utilizzate sul campo e delle informazioni che potrebbero portare all’identificazione delle spie.

La fonte governativa citata dal Sunday Times ha sottolineato che nessuno è stato danneggiato, ma che la situazione ha impedito ai servizi segreti britannici di continuare a raccogliere informazioni importanti. Anche altre agenzie di spionaggio occidentali sarebbero state costrette a ritirare i loro agenti da paesi ostili in seguito alla fuga di notizie.

pubblicità
Edward Snowden: il mio lavoro non è finito

“Non dobbiamo cambiare solo le leggi e i sistemi, dobbiamo cambiare i valori”, dice Edward Snowden nella terza parte dell’intervista esclusiva al Guardian. La privacy è un problema planetario, che non riguarda solo i singoli stati, ma i sistemi tecnologici globali. Leggi

Edward Snowden: controllare tutto non serve a niente

“In nessun caso la sorveglianza di massa ha dato un contributo rilevante nelle indagini contro il terrorismo”, dice Edward Snowden nella seconda parte dell’intervista esclusiva al Guardian. Anzi, spesso voler controllare tutto ha portato fuori strada i servizi di intelligence. Leggi

Edward Snowden: perché la privacy ci riguarda tutti

Edward Snowden, l’uomo che ha rivelato i segreti del programma di spionaggio e sorveglianza su scala mondiale della National security agency statunitense, ha concesso un’intervista esclusiva al Guardian. Da Mosca, dove vive per sfuggire alla giustizia americana, Snowden ha detto che il diritto alla privacy riguarda tutti. La prima parte dell’intervista. Leggi

Il senato degli Stati Uniti ha approvato il Freedom act

Il governo degli Stati Uniti potrà riprendere i controlli sui dati telefonici, ma con nuove limitazioni. Lo ha deciso il senato con l’approvazione del Freedom act. La legge estende la capacità dell’esecutivo di raccogliere i dati, una prerogativa che era scaduta il primo giugno. Il Freedom act sostituirà il Patriot act ed è stato sostenuto dal presidente Barack Obama, che lo ha definito uno strumento necessario per combattere il terrorismo. La legge è stata approvata con 67 voti favorevoli e 32 contrari e nel giro di poche ore Obama ha firmato il provvedimento.

Si tratta di un passaggio fondamentale per il paese a quattordici anni di distanza dagli attacchi terroristici dell’11 settembre, a due anni dalle rivelazioni dell’ex consulente dell’Nsa Edward Snowden. Nel 2013 Snowden aveva denunciato la pratica dell’Agenzia per la sicurezza nazionale di registrare tutta una serie di dati sulle conversazioni telefoniche. L’amministrazione statunitense non aveva a disposizione i contenuti ma le informazioni collaterali: chi ha chiamato chi, a che ora e per quanto tempo. D’ora in poi saranno le aziende telefoniche a custodire i dati. Gli inquirenti potranno prenderne visione solo se in possesso di un regolare mandato del tribunale.

Cosa resta dell’Nsa e lo scontro politico su sicurezza e privacy negli Stati Uniti

A partire dalla mezzanotte del 1 giugno, la National security agency (Nsa) non potrà più raccogliere informazioni grezze dai tabulati telefonici dei cittadini. Il senato non è riuscito a trovare un accordo per il rinnovo della sezione 215 del Patriot act, la legge voluta nel 2001 da George W. Bush per difendere la sicurezza nazionale contro le minacce terroristiche. La Casa Bianca insiste ora per una rapida approvazione del Freedom act, una legge di compromesso tra chi vuole porre un freno ai poteri dell’Nsa e chi invece vuole mantenerli. Leggi

pubblicità
Viviamo in una scatola nera


Una giornata qualunque su internet: cerchiamo informazioni su Google, verifichiamo l’erogazione del mutuo nel sito della nostra banca, commentiamo lo status di un amico su Facebook. Quanto sappiamo dei meccanismi che hanno regolato queste operazioni? Niente. Leggi

La camera statunitense approva una legge per limitare le attività dell’Nsa

Negli Stati Uniti la camera dei rappresentanti ha approvato lo Usa freedom act, una riforma per fermare la raccolta sistematica dei dati telefonici dei cittadini statunitensi da parte dell’agenzia per la sicurezza nazionale (Nsa). Ecco cosa prevede. Leggi

Le intercettazioni dell’Nsa sono illegali, secondo una corte statunitense

Una corte d’appello degli Stati Uniti ha stabilito che le intercettazioni fatte dall’agenzia governativa Nsa sono illegali. Secondo i giudici il programma dell’Nsa, che ha permesso di raccogliere i tabulati telefonici di milioni di cittadini statunitensi, non è stato autorizzato in alcun modo dal congresso. La decisione capovolge una sentenza del 2013, secondo la quale il programma dell’agenzia federale rispettava la costituzione.

Il programma di intercettazioni dell’Nsa è stato denunciato per la prima volta da Edward Snowden, ex analista dell’agenzia che ha diffuso una serie di documenti riservati pubblicati dal Guardian, dal Washington Post e da altri giornali statunitensi.

“Non ci sono prove che il congresso volesse autorizzare la raccolta indiscriminata dei tabulati telefonici e aggregarli in un database”, ha dichiarato la corte d’appello. L’Nsa è accusata anche di aver spiato i leader di diversi paesi stranieri.

La riforma dei servizi segreti sembra un Patriot act alla francese

La Francia ha adottato una nuova legge sull’intelligence. Il testo, concepito dopo le strage di Charlie Hebdo e del supermercato kosher a Parigi, rende legali alcune procedure che prima non lo erano. E suscita molte polemiche. Leggi

Intervista sul potere in Russia

Le indagini sulla morte di Boris Nemtsov. I contrasti all’interno dei servizi di sicurezza russi e tra il Cremlino e il presidente ceceno Ramzan Kadyrov. Il controllo del web e la libertà d’informazione. La presenza di Edward Snowden a Mosca. Intervista ad Andrei Soldatov, giornalista d’inchiesta russo, esperto di servizi segreti e fondatore del sito d’informazione Agentura.ru
  Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.