Tpp

La globalizzazione prudente di Pechino

Ho un amico cinese che fa l’analista economico per un grande istituto di ricerca di Hong Kong. Quando il 23 gennaio Donald Trump ha disdetto con una firma la Transpacific partnership (Tpp), l’accordo di libero scambio tra i paesi affacciati sul Pacifico messo faticosamente in piedi dall’amministrazione Obama, gli ho subito chiesto se per caso questo non aprisse le porte alla proposta alternativa cinese, la Regional comprehensive economic partnership (Rcep). Leggi

La zappa sui piedi di Donald Trump

Sette giorni dopo il giuramento, Donald Trump stupisce il mondo con dichiarazioni e decisioni, spesso clamorose e contraddittorie. Di questo passo rischia di ritrovarsi solo alla Casa Bianca, tagliato fuori dalla sua maggioranza, criticato dai giornalisti, sfiduciato dagli alleati europei. Leggi

pubblicità
Il Giappone ratifica il trattato di libero scambio transpacifico (Tpp).
Il Giappone ratifica il trattato di libero scambio transpacifico (Tpp). Tokyo ha ratificato il trattato transpacifico (Tpp), un patto commerciale di libero scambio, firmato nel febbraio del 2016 da dodici paesi dell’Asia, dell’America e dell’Oceania che si affacciano sul Pacifico. Per entrare in vigore il trattato, che prevede la soppressione di numerosi dazi doganali, deve essere ratificato da almeno otto paesi, ma il presidente eletto degli Stati Uniti Donald Trump ha già annunciato che Washington si ritirerà dall’accordo.
Che cos’è il trattato Tpp e che fine farà

Il presidente eletto degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato nel suo primo discorso alla nazione che Washington uscirà dal trattato di libero scambio firmato da dodici paesi dell’Asia, dell’America e dell’Oceania che si affacciano sul Pacifico. Cosa prevede il Tpp e cosa cambierà dopo l’annuncio di Trump. Leggi

Firmato in Nuova Zelanda il trattato di libero scambio Tpp.
Firmato in Nuova Zelanda il trattato di libero scambio Tpp. I dodici paesi riuniti a Auckland, tra i quali ci sono Stati Uniti, Giappone e Canada, hanno firmato il Trans Pacific partnership (Tpp). Si tratta del più grande trattato commerciale internazionale degli ultimi due decenni e riguarderà una quantità di scambi pari al 40 per cento dell’economia mondiale. Il trattato è contestato in diversi paesi che hanno aderito, perché è considerato un patto favorevole solo alle multinazionali e non ai consumatori.
pubblicità
Giappone e Stati Uniti si preparano a firmare il Tpp.
Giappone e Stati Uniti si preparano a firmare il Tpp. I due paesi, insieme agli altri dieci stati che aderiscono al trattato di libero scambio Trans Pacific partnership (Tpp) si incontrano a partire da oggi a Auckland, in Nuova Zelanda, per due giorni di colloqui in vista della firma definitiva. Sono previste manifestazioni di protesta.
Dodici paesi hanno firmato il trattato di libero scambio nel Pacifico (Tpp).
Dodici paesi hanno firmato il trattato di libero scambio nel Pacifico (Tpp). Gli Stati Uniti, il Giappone e altri dieci paesi che si affacciano sull’oceano hanno trovato un’intesa commerciale per abbassare i dazi su beni e servizi. In questo modo è stata creata la più grande area di libero scambio della storia, che riguarda il 40 per cento degli scambi commerciali mondiali. L’accordo deve ora essere ratificato dai diversi paesi che aderiscono.
Le sette cose da sapere sul trattato di libero scambio nel Pacifico (Tpp)

Lunedì 5 ottobre gli Stati Uniti, il Giappone e altri dieci paesi che affacciano sul Pacifico hanno raggiunto un’intesa sul più grande trattato commerciale internazionale firmato negli ultimi due decenni, che riguarderà una quantità di scambi pari al 40 per cento dell’economia mondiale. Leggi

Trovato l’accordo sul Tpp, il trattato di libero scambio nel Pacifico

Gli Stati Uniti, il Giappone, l’Australia e altri nove paesi affacciati sul Pacifico hanno raggiunto un accordo sul trattato di libero scambio Trans Pacific partnership (Tpp). Leggi

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.