Gabriele Battaglia

È un giornalista italiano che vive a Pechino. È corrispondente per la Radiotelevisione svizzera e Radio Popolare.

Un viaggio sotto sorveglianza in Sichuan

Tre tibetani mandati dalle autorità ci scarrozzano in nome della sicurezza, e allontanano il nostro itinerario da quello che succede davvero nella Cina di Xi Jinping. Leggi

Taiwan guida la lotta per il matrimonio omosessuale in Asia

L’isola è stata il primo paese asiatico a legalizzare il matrimonio tra omosessuali, e potrebbe produrre un effetto domino. Leggi

pubblicità
Storie di uiguri che spariscono nei centri di rieducazione

Gulbahar e Rishat sono riusciti a espatriare in Italia. Ma molti cinesi appartenenti alla minoranza musulmana continuano a essere perseguitati e sfruttati dalle autorità di Pechino. Leggi

La macchina delle Olimpiadi invernali di Pechino scalda i motori 

Nel 2022 i giochi si svolgeranno in tre località cinesi, compresa la capitale. Secondo le autorità, sarà un giro d’affari creato da 300 milioni di potenziali sciatori. Leggi

Le radici della crisi nello Xinjiang

L’avvento dell’economia di mercato tra la fine degli anni ottanta e l’inizio degli anni novanta è all’origine delle diseguaglianze e del conflitto etnico. Leggi

pubblicità
Viaggio nelle fabbriche cinesi di Babbo Natale

A Yiwu c’è la più grande rivendita all’ingrosso di merci del mondo. Quest’anno però i negozianti devono affrontare qualcosa più grande di loro: la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. Leggi

In Cina gli studenti marxisti non hanno vita facile

Nelle università cinesi è obbligatorio studiare Marx. Ma quando gli studenti decidono di combattere le disuguaglianze, il Partito comunista li arresta. Leggi

La via della seta arriva fino in Israele e in Palestina

Infrastrutture e scambi tecnologici con Tel Aviv. Commerci e riconoscimento dei rapporti con l’Autorità Nazionale Palestinese. La Cina allarga il suo raggio di azione diplomatico e commerciale. Leggi

Pechino inaugura un ponte faraonico e inutile

È lungo quasi 55 chilometri e collega Hong Kong, Zhuhai e Macao. Un’opera insostenibile dal punto di vista ambientale che serve alla Cina per ribadire la sua volontà di grandezza. Leggi

Rieducazione e sparizioni, lo stato di diritto secondo Pechino

In Cina sempre più spesso il potere “legalizza” pratiche inaccettabili per il diritto internazionale. Sperimenta una procedura extragiudiziale e poi la inserisce nel codice. Leggi

pubblicità
I cinesi si stanno comprando la Cina

In Cina si sente parlare spesso di “bolla immobiliare”. Il fatto è che chiunque abbia un po’ di soldi da parte investe nel mattone. Non c’entrano più le esigenze dell’urbanizzazione, il bisogno di case per viverci: entra in gioco la speculazione. Leggi

La crescita senza controllo dei lavori precari in Cina

Nelle grandi città la gig economy spadroneggia. Con le app si ordinano i servizi più disparati, pagati poco e senza tutele per i lavoratori. Leggi

I campi di detenzione cinesi raccontati da chi ci ha lavorato

La trasformazione dello Xinjiang in uno “stato di polizia” e la repressione della popolazione uigura trovano conferma nelle parole dell’Onu e di un’insegnante in fuga. Leggi

La miniera in Mongolia autogestita e sostenibile

A Mandal c’è una miniera che non è a cielo aperto, in cui sono state adottate le misure di sicurezza e i cui lavoratori sono felici. Un progetto di cooperazione ha reso possibile l’impensabile. Leggi

La Via della seta porta a Pyongyang

Per cinque anni Xi Jinping e Kim Jong-un si erano totalmente ignorati, poi si sono visti due volte nel giro di quaranta giorni. Il consenso di Pechino alla politica statunitense sulla Corea del Nord comincia a sgretolarsi. Leggi

pubblicità
La repubblica popolare cinese delle sparizioni forzate

Uscito nel 2017, un libro per la prima volta raccoglie undici testimonianze di persone che sono passate attraverso il sistema di “sparizioni forzate” di stato. Leggi

Pechino impone il suo modello di sicurezza nello Xinjiang

La speculazione immobiliare sta travolgendo la popolazione uigura. Anche questo serve a Pechino per proseguire la “guerra al terrore” cominciata nel 2014. Leggi

Ora la produzione cinese punta sulla qualità

Pechino vuole diventare competitiva in dieci settori industriali e poi, entro la fine del secolo, potenza dominante. Leggi

I veri obiettivi della guerra dei dazi tra Cina e Stati Uniti

I dazi cinesi mirano a colpire Trump e i suoi elettori: oltre alla soia, interessano anche tabacco, grano e mais. Leggi

Xi Jinping ha dato una missione alla Cina

Nonostante la mancanza di democrazia e le diseguaglianze crescenti, i cinesi si sentono comunque in un periodo storico fortunato con un leader fortunato. Ma è proprio così? Leggi

pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.