Andrea Robin Skinner è la figlia della scrittrice canadese Alice Munro, premio Nobel per la letteratura nel 2013. In un lungo articolo pubblicato il 7 luglio 2024 sul Toronto Star, Skinner ha dichiarato che il patrigno abusò sessualmente di lei quando era ancora bambina e che la madre, dopo averlo saputo, è rimasta insieme a lui.

I fatti risalgono al 1976, quando Skinner aveva nove anni: “Una notte, mentre lei (Munro) era via, suo marito, il mio patrigno, Gerald Fremlin, entrò nel letto dove stavo dormendo e mi aggredì sessualmente”, ha scritto sul Toronto Star.

Nell’articolo Skinner precisa che quando aveva 25 anni raccontò tutto alla madre, ma lei decise di rimanere comunque con Fremlin, con cui era sposata dagli anni settanta dopo la fine del suo primo matrimonio.

“Ha reagito esattamente come temevo, come se fosse venuta a conoscenza di un’infedeltà”, ha scritto Skinner. “Siamo tornati tutti a comportarci come se non fosse successo nulla. Era quello che facevamo”, ha aggiunto.

Skinner ha dichiarato di aver anche denunciato i fatti alla polizia nel 2005, dopo che Munro aveva elogiato il marito in un’intervista al New York Times. Fremlin si dichiarò colpevole.

“Quello che volevo era una testimonianza della verità, una prova pubblica che non mi ero meritata quello che mi era successo”, ha scritto Skinner.

“Volevo anche che questa storia, la mia storia, diventasse parte delle storie che la gente racconta su mia madre”, ha aggiunto.

Munro, premio Nobel per la letteratura nel 2013, è morta a 92 anni a maggio. La sua morte ha suscitato cordoglio e ammirazione per il suo lavoro, anche da parte del primo ministro canadese Justin Trudeau.

La Munro’s books di Victoria, la libreria fondata dall’autrice, ha dichiarato in un comunicato di “sostenere senza dubbi” Skinner nella decisione di condividere la sua storia di abusi sessuali subiti da bambina.

“Insieme a tanti lettori e scrittori, avremo bisogno di tempo per assorbire questa notizia e l’impatto che potrebbe avere sull’eredità di Alice Munro, di cui abbiamo già celebrato il lavoro e i legami con il negozio”, ha scritto il sito, aggiungendo che il negozio è indipendente dal 2014.

Una dichiarazione separata della famiglia Munro, pubblicata anche sul sito web di Munro’s books, ha elogiato i proprietari del negozio per essere “parte del processo di guarigione della nostra famiglia”.

“Sosteniamo pienamente i proprietari e lo staff di Munro’s books nel loro percorso verso un nuovo futuro, e chiediamo rispettosamente che non venga loro chiesto o preteso di rispondere a domande sulla famiglia Munro”.

Se sei qui...
…è perché pensi che informarsi su quello che succede nel mondo sia importante. In questo caso potresti prendere in considerazione l’idea di abbonarti a Internazionale. Fino al 24 luglio costa solo 1,18 euro alla settimana, oppure 2,18 euro alla settimana se vuoi ricevere anche il giornale di carta. E in più ogni mattina all’alba ti mandiamo una newsletter con le notizie più importanti del giorno.