Un anno dopo il terremoto l’emergenza non è finita

23 agosto 2017 12:41

“La notte del terremoto è stata tragica, ma la cosa peggiore è che da allora il tempo si è fermato. Siamo in attesa di una ricostruzione che non avviene”, dice Francesco, terremotato di Acquasanta Terme.

Il 24 agosto 2016 un terremoto di magnitudo 6 sulla scala Richter con epicentro tra Amatrice e Accumoli, in provincia di Rieti, ha colpito l’Italia centrale. Le vittime sono state 299 e interi centri sono stati distrutti. Dopo un anno la situazione è ancora critica.

La ricostruzione procede lentamente e solo il 10 per cento delle quattromila tonnellate di macerie è stato rimosso. Su quasi quattromila soluzioni abitative in emergenza (Sae) richieste, ne sono state consegnate appena quattrocento. Gli sfollati sono più di trentamila.

Il video di Arianna Pagani e Sara Manisera.

Guarda anche Il lavoro delle brigate di solidarietà nei paesi distrutti dal terremoto.

pubblicità

Articolo successivo

La città della cultura che mi ha aiutato a crescere
Tracey Thorn