I danni del cambiamento climatico in Mongolia sono già visibili

13 giugno 2018 11:49

“Il clima sta cambiando in modo drastico. Ogni anno c’è meno erba e il bestiame muore di fame”, dice un mandriano mongolo della provincia di Arkhangai.

La sopravvivenza dei pastori nomadi della Mongolia è legata principalmente all’allevamento del bestiame, ma il clima sta cambiando rapidamente e i pascoli sono sempre di meno. Per questo migliaia di persone si trasferiscono ogni anno dalla steppa alla capitale Ulan Bator, una città molto inquinata dove già vive e lavora la metà della popolazione del paese.

Clima ostile è una serie della Thomson Reuters Foundation su come gli abitanti dei paesi di tutto il mondo cercano di adattarsi agli effetti dei cambiamenti climatici.

pubblicità