Mongolia

Mongolia

Capitale
Ulan Bator
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Tugrik mongolo
Superficie
In Mongolia i bambini sognano di diventare campioni di sumo

Il sumo è lo sport nazionale del Giappone, ma negli ultimi anni diversi atleti mongoli si sono distinti in questa forma di lotta corpo a corpo. Per alcuni giovani del paese è l’unico mezzo per provare a uscire dalla povertà. Leggi

La miniera in Mongolia autogestita e sostenibile

A Mandal c’è una miniera che non è a cielo aperto, in cui sono state adottate le misure di sicurezza e i cui lavoratori sono felici. Un progetto di cooperazione ha reso possibile l’impensabile. Leggi

pubblicità
I danni del cambiamento climatico in Mongolia sono già visibili

Estati secche e inverni rigidi costringono migliaia di pastori a trasferirsi dalla steppa alla capitale Ulan Bator, sempre più inquinata. Leggi

Resistere al cambiamento climatico dalla Mongolia al Madagascar

I pastori mongoli e i pescatori malgasci cercano di adattarsi agli effetti del riscaldamento globale sperimentando nuovi sistemi di gestione comunitaria delle risorse. Leggi

Le strategie di sopravvivenza di chi viaggia sulla Transmongolica

Salendo sul treno, la speranza è di condividere lo scompartimento con una affascinante dama russa o, al limite, di starmene da solo. Invece mi ritrovo con Gege, una ballerina folk mongola, e due pensionati cinesi che arrivano poco prima della partenza del treno. Leggi

pubblicità
A Ulan Bator lo smog è una questione di diseguaglianza sociale

A Ulan Bator l’inquinamento dell’aria è selettivo e in nessun altro luogo come qui è una chiara metafora della diseguaglianza sociale. Lo smog e le patologie a esso legate, infatti, colpiscono soprattutto il proletariato di ex nomadi convertiti da poco alla sedentarietà. Leggi

Musiche per l’Asem
Festa per Gengis Khan
Jargaltulga Erdenebayar è il nuovo primo ministro della Mongolia.
Jargaltulga Erdenebayar è il nuovo primo ministro della Mongolia. Venerdì 8 luglio il parlamento del paese ha dato l’incarico di formare un nuovo governo a Jargaltulga Erdenebayar, 42 anni ex ministro delle finanze. Erdenebayar fa parte del Partito del popolo, che ha stravinto le elezioni che si sono svolte alla fine di giugno.
Le lottatrici della Mongolia

Battsetseg Soronzonbold è una lottatrice di 26 anni.Durante le Olimpiadi di Londra del 2012 conquistò la medaglia di bronzo nella lotta libera. Oggi si prepara per gareggiare a Rio. Leggi

pubblicità
Tramonto a Ulan Bator
I mongoli votano per rinnovare il governo e il parlamento.
I mongoli votano per rinnovare il governo e il parlamento. La campagna elettorale è stata dominata dai temi economici, visto che il paese sta attraversando la peggior crisi dal 2008. A contendersi il potere, dodici partiti e tre coalizioni, tra cui i favoriti sono il Partito democratico (al potere) e il Partito del popolo (opposizione).
Ballo a Ulan Bator
Rapiti da un comizio
pubblicità
Corsa nel deserto

A Dalanzadgad, nelle steppe del deserto del Gobi, si è svolto per due giorni il tradizionale festival dei cammelli. All’interno della manifestazione ha avuto luogo la corsa dei cammelli più lunga del mondo: 1.108 partecipanti si sono sfidati su un tragitto di quindici chilometri. Il vincitore di quest’anno ha raggiunto il traguardo in 35 minuti e 12 secondi.

La giornata di un’ingegnera civile a Ulan Bator, in Mongolia

“Gli ingegneri civili hanno un ruolo cruciale nei paesi in via di sviluppo. Contribuiscono a rendere la città più bella e a dare una casa a migliaia di persone. Sono orgogliosa di aiutare la mia città a diventare un posto migliore”. La giornata di una ragazza di Ulan Bator, in Mongolia, che fin da piccola sognava di diventare un’ingegnera civile. Leggi

La Mongolia inquinata dalle iurte

Il paese di cui non si è parlato questa settimana sui mezzi d’informazione. Leggi

Transgender in Mongolia

In Mongolia, un paese che conta meno di tre milioni di abitanti e ha la più bassa densità di popolazione al mondo, l’omosessualità è ancora un tabù. Qui le persone gay e transgender sono vittime violenze, repressioni e discriminazioni, ma in molti casi non denunciano quello che subiscono perché non si sentono tutelate dalla legge. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.