VIDEO
L’Algeria è pronta ad affrontare le ferite della guerra civile

L’Algeria è pronta ad affrontare le ferite della guerra civile

10 luglio 2019 09:54

“Nel segno della riconciliazione nazionale il governo ha occultato i crimini della guerra civile”, dice nel video Omar Belhouchet, ex direttore del quotidiano algerino El Watan. “Ora però siamo un popolo libero, pronto a far luce su quel periodo”.

La guerra civile algerina è scoppiata nel 1991 e si è conclusa nel 2002. Secondo alcune stime, le vittime dei combattimenti tra l’esercito e vari gruppi estremisti islamici sono state almeno 150mila e gli scomparsi circa ottomila. Nel 2005 è stata approvata con un referendum la Carta per la pace e la riconciliazione nazionale che prevede l’amnistia per gli ex combattenti, oltre a risarcimenti per le famiglie delle persone scomparse e per quelle dei combattenti morti. Questa legge ha, però, anche imposto il silenzio sul conflitto, generando scontento nei confronti della classe politica che l’ha promossa e che ha continuato a guidare il paese fino all’inizio di quest’anno.

Nel febbraio del 2019 è nato un movimento pacifico di protesta in reazione alla candidatura a un quinto mandato del presidente Abdelaziz Bouteflika, anziano e malato. Le manifestazioni, che continuano ancora oggi, hanno costretto alle dimissioni Bouteflika, che fu uno dei principali promotori della politica di riconciliazione. La piazza chiede una transizione democratica e un ricambio generazionale ai vertici dello stato. Le elezioni presidenziali che avrebbero dovuto svolgersi il 4 luglio sono state cancellate e non è stata ancora fissata una data per il voto.

Il video di Marco Simoncelli e Davide Lemmi.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.