Algeria

Algeria

Capitale
Algeri
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Dinaro algerino
Superficie
Perché l’Algeria non riesce a rimpiazzare Bouteflika

Questo presidente rimane l’unica relazione tra il popolo e l’esercito, che sconfisse il colonialismo ma che governa nell’ombra da più di trent’anni. Leggi

La giovane Algeria nella trappola di un potere immutabile

Abdelaziz Bouteflika, a quasi 82 anni, si è candidato a un quinto mandato. Incapace di parlare dopo un ictus, è ancora indispensabile per gli equilibri di un sistema politico fondato sulla mancanza di trasparenza. Leggi

pubblicità
Il pellegrinaggio di due milioni di lettori alla fiera del libro di Algeri

Ogni anno un intero paese viaggia verso la capitale per procurarsi libri in arabo e in altre lingue. C’è un desiderio di lingua e scrittura italiana, che in parte resta insoddisfatto. Intervista con Paola Caridi. Leggi

La prima volta dello Zimbabwe alle urne senza Mugabe

I despoti di solito lasciano il potere da morti o costretti con la forza, come Mugabe deposto dall’esercito. Ma il Camerun e l’Algeria vivono situazioni simili. Leggi

Europa e Maghreb hanno un destino in comune

Marocco, Algeria e Tunisia hanno saputo assimilare gli estremisti islamici, e le loro giovani classe medie potrebbero imporre cambiamenti economici, sociali e politici. Leggi

pubblicità
In Algeria un giornalista è morto dopo sei mesi di sciopero della fame.
In Algeria un giornalista è morto dopo sei mesi di sciopero della fame. Mohamed Tamalt, reporter britannico algerino, aveva cominciato la sua protesta a giugno, dopo essere stato arrestato per aver pubblicato articoli critici nei confronti del presidente algerino Abdelaziz Bouteflika. Tamalt, blogger e giornalista freelance di 42 anni, è deceduto in seguito a un’infezione polmonare. L’organizzazione Reporter senza frontiere ha chiesto l’apertura di un’inchiesta sulla sua morte.
L’Algeria censura un documentario sulle presidenziali del 2014.
L’Algeria censura un documentario sulle presidenziali del 2014. Vote off doveva essere presentato al festival Rencontres de Béjaïa l’8 settembre, ma la proiezione è stata cancellata. Il documentario parla dell’astensionismo dei giovani algerini delusi dalla politica e dello sconforto per la rielezione di Abdelaziz Bouteflika.
L’Algeria blocca i social network durante la ripetizione dell’esame di maturità.
L’Algeria blocca i social network durante la ripetizione dell’esame di maturità. Dal 18 giugno fino almeno al 23 giugno, le autorità di Algeri impediscono l’accesso a siti come Facebook e Twitter perché più di mezzo milione di studenti deve ripetere l’esame di maturità. La misura è stata adottata per evitare che i quesiti escano prima sui social network, com’è successo all’inizio del mese.
Trentatre morti in un incidente tra un pullman e un autobus in Algeria.
Trentatre morti in un incidente tra un pullman e un autobus in Algeria. Lo scontro, avvenuto nella notte tra venerdì e sabato nei pressi di Aflou, cittadina quattrocento chilometri a sud di Algeri, ha causato 33 morti e 22 feriti. La maggior parte delle vittime erano passeggeri dell’autobus che collega Orano a Ouargia (che si trova nel Sahara), rimasti intrappolati nel veicolo e morti carbonizzati.
Senza diritti in Algeria

Da qualche anno l’Algeria è diventata una tappa fondamentale per molti migranti subsahariani diretti in Europa. Ma il paese è poco abituato alla dimensione multietnica, e il razzismo è forte. Così i migranti irregolari non hanno diritti e diventano invisibili. Leggi

pubblicità
Sei jihadisti uccisi in Algeria.
Sei jihadisti uccisi in Algeria. Il ministero della difesa algerino ha pubblicato sul suo sito internet il rapporto di un’operazione in cui l’esercito ha ucciso sei islamisti armati nella provincia di El Oued, seicento chilometri a sud est di Algeri, non lontano dal confine con la Tunisia. Il ministero non mette in relazione l’operazione di oggi con l’attacco al sito di Khrechba, a più di mille chilometri da El Oued, avvenuto il 18 marzo e rivendicato da Al Qaeda nel Maghreb islamico, durante il quale erano stati uccisi quattro islamisti.
Ombre sul campo
Arrestato in Algeria un uomo sospettato di legami con gli attentatori di Parigi.
Arrestato in Algeria un uomo sospettato di legami con gli attentatori di Parigi. Un algerino residente a Bruxelles è stato fermato dalle autorità locali nella provincia di Béjaïa. Avrebbe dei legami con Abdelhamid Abaaoud, il presunto organizzatore degli attentati nella capitale francese che è rimasto ucciso durante il raid della polizia a Saint-Denis il 18 novembre.
L’Algeria modifica la costituzione e si prepara a cambiare presidente dopo 17 anni.
L’Algeria modifica la costituzione e si prepara a cambiare presidente dopo 17 anni. La riforma – approvata dal parlamento con 499 sì su 517 – reintroduce il limite di due mandati consecutivi per la massima carica dello stato. Abdelaziz Bouteflika, 78 anni, malato e tuttavia eletto presidente per la quarta volta nel 2014, aveva promesso questa revisione durante le rivoluzioni del 2011.
I migranti invisibili d’Algeria

Hanno messo dei tappeti sul pavimento e delle grandi tende dorate che dividono in due l’ambiente, isolando la zona notte. Un dondolo di plastica per bambini è incastrato accanto a un tavolinetto da cucina. Tutto per far dimenticare che ci si trova in un garage. John invita a non parlare troppo forte. C’è solo una tapparella di legno a separare il locale dalla strada. Leggi

pubblicità
L’enigma algerino

L’austerità si è aggiunta ai misteri della politica algerina. Alle prese con il crollo del prezzo del petrolio, da cui ricava una parte essenziale dei suoi introiti, l’Algeria aumenta i prezzi al consumo dopo aver drasticamente ridotto i suoi piani d’investimento. Leggi

L’heavy metal va in scena in Algeria sfidando la tradizione

Il 7 e l’8 novembre si è svolto in Algeria il Fest 213, un festival dedicato alla musica rock e heavy metal. L’evento ha riunito una generazione di giovani metallari provenienti da tutto il paese. Il video dell’Afp. Leggi

Il successo di Donald Trump e altre notizie importanti dal mondo

Non ci sono solo la questione dei rifugiati in Europa e la ricerca disperata di una soluzione politica al conflitto siriano. Certo, si tratta di problemi enormi e cruciali, però il mondo non ha smesso di girare e almeno due fatti ci aiutano a tenerlo presente. Leggi

Scontri tra comunità nel sud dell’Algeria, 22 morti in due giorni

Negli ultimi due giorni sono morte ventidue persone negli scontri tra la comunità berbera e quella araba nel sud dell’Algeria. Decine di altre persone sono rimaste ferite. Si tratta del bilancio più grave registrato nella regione attorno a Ghardaïa, città della valle dello Mzab, circa 600 chilometri a sud di Algeri, dove dal 2013 le due comunità si contendono la terra, il lavoro e le abitazioni. Le forze di sicurezza hanno mandato rinforzi.

Negli scontri sono stati danneggiati e incendiati edifici pubblici, locali commerciali, veicoli e palmeti.

pubblicità