NUOVE NOTIZIE

OSSESSIONI
NUOVE NOTIZIE

Migranti

Ogni giorno centinaia di persone si mettono in viaggio per cercare di raggiungere l’Europa. Sognano una vita migliore, ma spesso finiscono tra le mani dei trafficanti o in centri di detenzione.


  • 16 Gen 2017 16.49

Il piano del governo italiano per l’immigrazione

Il ministro dell’interno italiano Marco Minniti presenterà il 18 gennaio il piano del governo sull’immigrazione. È attesa la relazione di Minniti davanti alla commissione affari costituzionali della camera. L’estensione della rete dei Centri di identificazione ed espulsione (Cie) e la riforma del sistema d’asilo sono i cardini del programma del governo guidato da Paolo Gentiloni, secondo le indiscrezioni emerse sulla stampa italiana negli ultimi giorni. Leggi

  • 15 Gen 2017 10.41
Naufragio al largo della costa libica, almeno otto morti e circa cento migranti dispersi. Una nave con a bordo almeno un centinaio di migranti è naufragata nella notte del 14 gennaio a circa 50 chilometri a nord delle coste libiche. La Guardia costiera italiana, che coordina le operazioni di soccorso, ha recuperato otto cadaveri e tratto in salvo quattro persone. Continua la ricerca dei dispersi in condizioni meteo pessime. La mattina del 14 gennaio invece tre migranti sono stati trovati morti su un barcone nel Canale di Sicilia e altri tre in gravi condizioni per ipotermia.
pubblicità
  • 13 Gen 2017 18.13
L’Onu denuncia la difficile situazione dei migranti in Europa a causa del freddo. Profughi e migranti rischiano di morire a causa dell’ondata di gelo che ha colpito in particolare le regioni orientali del continente. Secondo l’Unicef i governi dovrebbero fare di più per aiutarli, invece di respingerli alle frontiere ed esporli a forme di violenza. “Si tratta di salvare vite, non di mettere nuovi confini o rispettare delle norme burocratiche”. La situazione peggiore è attualmente in Grecia, dove più di mille persone vivono in tende o dormitori non attrezzati: secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati sono già morte di freddo cinque persone.
  • 13 Gen 2017 11.43
Il gelo rende drammatica la situazione dei migranti in Europa, denuncia l’Onu. Profughi e migranti rischiano di morire per il freddo che sta colpendo l’Europa in questi giorni e i governi dovrebbero fare di più per aiutarli, invece di respingerli alla frontiera ed esporli a forme di violenza. Secondo una portavoce dell’Unicef “si tratta di salvare vite, non porre dei confini e rispettare regole burocratiche”. La situazione peggiore è quella in Grecia, dove secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati cinque persone sono morte finora per il freddo.
  • 13 Gen 2017 08.17
Firmato l’accordo sui corridoi umanitari per i migranti in Italia. Nella sede del ministero dell’interno è stato firmato il protocollo d’intesa per assicurare un ingresso legale a 500 eritrei, somali e sudsudanesi provenienti dai campi profughi in Etiopia che arriveranno nei prossimi mesi in Italia. Il patto è stato firmato dalla Cei, dalla Comunità di sant’Egidio e dal governo.
pubblicità
  • 12 Gen 2017 14.47
Incendio in un capannone occupato da migranti a Sesto Fiorentino, un morto. La vittima è un somalo di 35 anni, altre due persone sono rimaste intossicate. L’incendio è scoppiato la sera dell’11 gennaio in un ex mobilificio dove vivevano in condizioni precarie un centinaio di immigrati in gran parte originari del Corno d’Africa. L’edificio era occupato dal dicembre del 2014. Il comune di Sesto Fiorentino ha allestito delle tende dove ospitare temporaneamente le persone rimaste senza un tetto. Un centinaio di migranti hanno organizzato una manifestazione di protesta sotto la prefettura di Firenze.
  • 12 Gen 2017 13.42

I migranti nel gelo dell’Europa

Le agenzie umanitarie internazionali hanno lanciato l’allarme per la situazione di migliaia di migranti travolti dall’ondata di freddo arrivata in Europa e hanno chiesto ai governi europei di agire rapidamente per evitare la perdita di vite umane. Leggi

  • 12 Gen 2017 11.44

La rotta balcanica non è mai stata chiusa

In teoria è interrotta dal marzo del 2016, da quando l’Unione europea ha stretto un accordo con la Turchia per fermare l’arrivo dei profughi sulle coste greche. Tuttavia centinaia di persone hanno continuato a seguire questo percorso per raggiungere l’Europa nordoccidentale, nonostante uno degli inverni più rigidi degli ultimi anni. Leggi

  • 11 Gen 2017 19.21

L’inverno dei migranti a Belgrado

Migranti si scaldano davanti a un falò in un magazzino abbandonato di Belgrado, in Serbia, dove hanno trovato riparo. 
  • 11 Gen 2017 15.53
Nel 2016 in Germania sono calate drasticamente le richieste d’asilo. L’anno scorso i richiedenti asilo arrivati in territorio tedesco stati solo 280mila, contro gli 890mila del 2015. Secondo il ministro dell’interno Thomas de Maiziere la diminuzione è legata alla chiusura della rotta balcanica e all’accordo sui migranti tra l’Unione europea e la Turchia. Più di un terzo delle richieste d’asilo è stato presentato da siriani (36 per cento), seguiti da afgani, iracheni, albanesi, iraniani ed eritrei.
pubblicità
  • 11 Gen 2017 11.00

Lo sguardo di quattro fotografi sulla crisi dei migranti in Europa

Le operazioni di soccorso in mare al largo della Libia, l’arrivo di migliaia di famiglie sulle isole greche, il percorso dei migranti sulla rotta balcanica:
cosa significa raccontare per immagini il fenomeno delle migrazioni? I fotografi italiani Francesco Giusti, Giulio Piscitelli, Francesco Zizola e Rocco Rorandelli ne parlano al festival di Internazionale a Ferrara. Leggi

  • 10 Gen 2017 17.47

Cosa prevede l’accordo tra l’Italia e la Libia sui migranti

Il ministro dell’interno italiano, Marco Minniti, il 9 gennaio è andato a Tripoli per gettare le basi di un’intesa con il governo di unità nazionale libico di Fayez al Serraj sulla gestione dell’immigrazione, il controllo delle frontiere e il contrasto al traffico di esseri umani. Leggi

  • 10 Gen 2017 12.22

Perché chi aiuta i migranti rischia di essere processato

Dal 2015, quando i controlli alla frontiera tra Francia e Italia sono stati ripristinati, numerosi cittadini della val Roia si sono organizzati per prestare assistenza e aiuto ai migranti. Molti di loro, come il contadino francese Cédric Herrou, sono stati incriminati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, rischiando il carcere o la condanna a pagare multe salate. Casi come questi sono sempre più frequenti in Europa e rispecchiano una tendenza sempre più diffusa: la criminalizzazione degli operatori umanitari e dei cittadini attivi. Leggi

  • 10 Gen 2017 09.22

Sotto la neve di Belgrado

Migranti in fila per ricevere cibo davanti a un magazzino di Belgrado, in Serbia. Molte persone, provenienti soprattutto dalla Siria e dall’Afghanistan, nel tentativo di raggiungere l’Italia o altri paesi dell’Unione europea, rimangono bloccati in Serbia a causa della chiusura delle frontiere.
  • 09 Gen 2017 19.28

Nel campo di Ritsona

Una donna stende un lenzuolo bagnato fuori dal suo alloggio nel campo profughi di Ritsona, a nord di Atene. Più di 62mila migranti e profughi sono bloccati in Grecia in seguito all’accordo tra la Turchia e l’Unione europea per chiudere la rotta balcanica.
pubblicità
  • 04 Gen 2017 12.28

Il centro per migranti di Conetta doveva essere già chiuso

Sovraffollato, in condizioni igieniche fatiscenti, scenario di tensioni e violenze continue: il campo di prima accoglienza per migranti di Conetta, in provincia di Venezia, era già stato al centro di critiche e denunce. La morte di Sandrine Bakayoko, una ragazza della Costa d’Avorio di 25 anni a causa di un malore, ha riaperto la discussione su alcune distorsioni del sistema di accoglienza italiano, ancora strutturato sulla logica dell’emergenza. Leggi

  • 04 Gen 2017 10.40

La nuova vita di Nicolas, scappato dal Ghana e arrivato a Ventimiglia

Nicolas è stato costretto a scappare dal Ghana ed è arrivato in Italia un anno e mezzo fa. Oggi vive a Torri, una frazione di Ventimiglia, dove lavora come agricoltore, ma rischia di dover tornare nel suo paese. Il video. Leggi

  • 04 Gen 2017 08.17
Morta una richiedente asilo in un centro in provincia di Venezia, proteste dei profughi. Una ragazza della Costa D’Avorio di 25 anni è morta nel centro di accoglienza di Cona, vicino a Venezia, dopo essersi sentita male nella doccia. I profughi ospitati dal centro hanno protestato per il ritardo con cui sono intervenuti i soccorsi. Le forze dell’ordine hanno sedato la rivolta. Il ministro degli interni Marco Minniti ha disposto il trasferimento di un centinaio di persone dal centro di Cona ad altre strutture in Emilia Romagna nella mattinata di mercoledì 4 gennaio.
  • 03 Gen 2017 15.02

Verso la Sicilia

Migranti a bordo del peschereccio Golfo Azzurro, il giorno dopo essere stati salvati dall’ong spagnola Open arms nel Mediterraneo. L’imbarcazione è diretta verso le coste siciliane.
  • 03 Gen 2017 12.42

Che cosa sono i Cie e perché non servono

Negli ultimi 18 anni numerosi rapporti di organizzazioni indipendenti hanno mostrato che la detenzione amministrativa dei cittadini stranieri irregolari nei Centri di identificazione ed espulsione (Cie) è inefficace da tutti i punti di vista, tranne uno: quello della comunicazione politica. Leggi

pubblicità