L’attrice Miriam Selima Fieno durante lo spettacolo Libya. Back home. (Andrea Macchia, Romaeuropa festival)

Un viaggio tra l’Italia e la Libia

L’attrice Miriam Selima Fieno durante lo spettacolo Libya. Back home. (Andrea Macchia, Romaeuropa festival)
09 settembre 2019 14:05

In occasione del festival di Internazionale, che si terrà dal 4 al 6 ottobre, la compagnia teatrale La Ballata dei Lenna porterà in scena a Ferrara lo spettacolo Libya. Back home, ideato e diretto da Paola Di Mitri, con testi di Miriam Selima Fieno, Giancarlo Fieno e Khalifa Abo Khraisse.

La protagonista Miriam ci conduce in un viaggio nelle sue radici libiche, partendo da alcuni documenti di famiglia. Durante il percorso incontra varie persone, dal cugino libico Salem all’iracheno Haidar, ex professore d’inglese all’università di Tripoli, a Khalifa Abo Khraisse, giornalista e regista di Tripoli. Il viaggio di Miriam verso la Libia s’incrocia con quello di Khalifa verso l’Italia, facendo emergere il rapporto difficile tra i due paesi, una storia di colonizzazione, amore e instabilità politica che dura ancora oggi.

La Ballata dei Lenna è un collettivo di ricerca e produzione teatrale fondato a Udine nel 2012 da Nicola Di Chio, Paola Di Mitri e Miriam Selima Fieno.

Khalifa Abo Khraisse parteciperà anche a un incontro con la giornalista Francesca Mannocchi sulla situazione politica in Libia.

Libya. Back home andrà in scena il 4 ottobre alle 21 al teatro Comunale di Ferrara.

Dopo il festival di Internazionale, lo spettacolo sarà in scena al festival Romaeuropa, dal 15 al 16 ottobre 2019, al Teatro 2 del Mattatoio. Sempre al Mattatoio, 16 ottobre alle ore 18.30, Khalifa Abo Khraisse parlerà della situazione politica in Libia con la giornalista di Internazionale Francesca Sibani.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Dall’altra parte del mare, cosa spinge i tunisini a partire
Annalisa Camilli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.