La scrittrice francese Virginie Despentes. (Jean-François Paga)

Il femminismo è sempre una provocazione

La scrittrice francese Virginie Despentes. (Jean-François Paga)
10 settembre 2019 14:32

Da quando nel 1993 è uscito il suo primo romanzo, Scopami (Einaudi), la scrittrice francese Virginie Despentes, che sarà ospite del festival di Internazionale a Ferrara (4-5-6 ottobre 2019), è sempre stata in prima linea nelle lotte per la ridefinizione della femminilità e dell’identità sessuale. Recentemente in un’intervista al quotidiano The Guardian ha dichiarato che viviamo un’epoca di grandi cambiamenti grazie alla spinta di movimenti come #MeToo e Time’s up.

Questi movimenti hanno anche rinnovato l’interesse per il suo libro del 2006 King Kong theory (Fandango). Presentato in Francia come un manifesto del nuovo femminismo, affronta senza preconcetti e censure i temi della prostituzione, della pornografia e dello stupro, anche attraverso il racconto delle esperienze personali dell’autrice. Per Despentes, che dice di aver “abbandonato l’eterosessualità” quando aveva 35 anni, King Kong è la “metafora di una sessualità che oltrepassa i generi politicamente imposti dalla fine dell’ottocento. Va oltre la femminilità e la virilità”.

Despentes ha da poco completato la trilogia di romanzi Vernon Subutex (Bompiani), con protagonista il proprietario di un negozio di dischi caduto in disgrazia che si ritrova a vagare nelle strade della Parigi di oggi.

Virginie Despentes sarà a Ferrara il 5 ottobre per un incontro con il filosofo spagnolo Paul B. Preciado e per parlare dei suoi libri.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Siamo pronti ad affrontare le nuove epidemie?
Michael Le Page
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.