Il nuovo progetto di Elon Musk

11 maggio 2017 16:46

Dopo i viaggi nello spazio e le auto elettriche, Elon Musk sta lavorando a un nuovo progetto (il decimo, secondo una lista su Wikipedia). L’azienda si chiama Neuralink e vuole sviluppare un’interfaccia neurale per connettere esseri umani e computer.

Anche questa volta – come per ogni progetto che lo riguarda – Musk si è dato un obiettivo a lungo termine e uno a breve termine, scrive Will Oresmus nell’articolo di Slate che pubblichiamo questa settimana su Internazionale.

L’obiettivo a lungo termine di solito è folle e futuristico (nel caso di Neuralink si tratta di facilitare la “telepatia consensuale” tra le persone). Serve per mettere a fuoco un problema, ma anche per attirare menti brillanti – Vanessa Tolosa, Philip Sabes, Timothy Gardner – che decideranno di seguirlo nell’impresa.

L’obiettivo a medio termine invece è più plausibile, e forse è anche il vero progetto d’affari: in questo caso, sviluppare un dispositivo che contribuisca a curare le persone con gravi lesioni cerebrali.

Se il progetto di Neuralink dovesse funzionare rimangono comunque molti dubbi sia dal punto di vista etico e legale, sia dal punto di vista della sicurezza: “In questi ultimi tempi abbiamo imparato che qualsiasi dispositivo intelligente (che sia un telefono, una tv o un frigorifero) può essere hackerato”, scrive Christopher Markou su The Conversation. “Possiamo solo immaginare i pericoli che comporterebbe l’accesso diretto alla mente di un’altra persona”.

L’articolo è sul numero di Internazionale che esce domani in edicola e oggi online. Contiene una foto scattata da Ben Baker (con Musk davanti a una delle sue capsule orbitali nel quartier generale di SpaceX, a Los Angeles) e questo paragrafo:

Musk ha fondato la SpaceX per colonizzare Marte e rendere la nostra civiltà interplanetaria, per premunirsi contro la minaccia di eventi che potrebbero estinguerla. È quel genere di startup che sembra destinata ad attirare, più che dei finanziamenti, molti dubbi sulla salute mentale del suo fondatore.

pubblicità

Articolo successivo

La Spagna accoglie l’Aquarius, ma l’azione delle ong si restringe
Annalisa Camilli