5 giugno 1989. Un uomo ferma i carri armati su via della Pace eterna. (Arthur Tsang Jir, Reuters/Contrasto)

La primavera di Pechino

04 giugno 2013 10:31

Nella notte tra il 3 e il 4 giugno 1989, i carri armati entrano in piazza Tiananmen, a Pechino, per disperdere migliaia di studenti che la occupavano da aprile.

La protesta, nata per chiedere più democrazia e trasparenza alle autorità cinesi, anche sull’onda della *glasnost * avviata in Unione Sovietica, finì così nel sangue. Secondo Amnesty International, nella repressione sono morte almeno mille persone e diecimila sono rimaste ferite. Centinaia anche gli arresti.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.