La bandiera armena nel villaggio di Madagis, nella regione di Martakert, nel Nagorno-Karabakh, febbraio 2016. (Karl Mancini e Gianmarco Maraviglia, Echo photo agency)

La doppia identità del Nagorno-Karabakh

07 aprile 2016 15:26

Dopo quattro giorni di combattimenti e almeno 75 morti, nel Nagorno-Karabakh, la regione a maggioranza armena che vuole l’indipendenza dall’Azerbaigian, gli scontri si sono interrotti il pomeriggio del 5 aprile, dopo una tregua bilaterale.

La Russia, che ha organizzato un incontro tra i capi di stato maggiore delle forze armate azere e armene, rivendica un ruolo cruciale nella mediazione. Il presidente Vladimir Putin ha addirittura telefonato ai presidenti di Azerbaigian e Armenia e li ha esortati a firmare la tregua.

Quelli di questa settimana sono stati gli scontri più violenti dai tempi del conflitto nel Nagorno-Karabakh all’inizio degli anni novanta. La paura è che scoppi una nuova guerra in quella regione, strategica perché da lì passano gasdotti e oleodotti che riforniscono i mercati di tutto il mondo.

Le immagini sono state scattate da Karl Mancini e Gianmarco Maraviglia, a febbraio del 2016.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.