Una casa sotterranea a Matmata, Tunisia. (Zohra Bensemra, Reuters/Contrasto)

Le case sotterranee di Matmata

12 marzo 2018 17:24

Nel febbraio 2018 la fotografa algerina Zohra Bensemra, dell’agenzia Reuters, ha viaggiato nella regione montagnosa di Jebel Dahar, nel sud della Tunisia, dove da secoli le popolazioni vivono in case scavate nel terreno.

Conosciute come le “case dei primitivi”, proteggono gli abitanti dal caldo estremo dell’estate e dal freddo rigido dell’inverno.

Nel villaggio di Haddej ce ne sono molte e somigliano a delle grotte. Molte altre sono intorno a Matmata, una zona abitata soprattutto da berberi, diventata meta di turismo perché nel 1977 ospitò le riprese di alcune scene del film Star Wars.

Seconda la Reuters, poche di queste case sono ancora utilizzate e molte sono andate distrutte: “Negli ultimi decenni, a causa dello spopolamento, molte persone hanno lasciato la propria abitazione. Solo poche famiglie sono rimaste, alcune perché legate alla loro terra, altre perché non hanno la possibilità di trasferirsi”.

Le foto di Zohra Bensemra sono state scattate nel febbraio del 2018.

pubblicità