Non si ferma la repressione del governo del presidente Daniel Ortega contro l’opposizione nicaraguense alla vigilia delle elezioni di novembre. Il 21 ottobre nella capitale Managua la polizia ha arrestato Michael Healy, imprenditore e presidente del Consejo superior de la empresa privada, che secondo il quotidiano La Prensa aveva avuto un ruolo fondamentale nell’insolita alleanza tra il mondo imprenditoriale e il movimento studentesco durante le proteste antigovernative cominciate nel 2018. “Healy è accusato di compiere atti che danneggiano l’indipendenza, la sovranità e l’autodeterminazione del paese, e di riciclaggio di denaro”, si legge sulla Prensa”.

Questo articolo è uscito sul numero 1433 di Internazionale, a pagina 27. Compra questo numero | Abbonati