Alcuni ricercatori dell’università del Kent e del Francis Crick institute, nel Regno Unito, hanno usato la tecnica di editing genetico crispr-cas9 per creare cucciolate di topi composte solo da femmine o solo da maschi. La tecnica potrebbe evitare l’abbattimento di centinaia di migliaia di topi usati nei laboratori di ricerca. Inoltre, potrebbe essere applicata negli allevamenti di polli, evitando l’abbattimento di milioni di galli, eliminati perché non producono uova. I ricercatori hanno ottenuto cucciolate di un unico sesso con un’efficienza del 100 per cento, modificando i cromosomi X e Y dei genitori per impedire agli embrioni maschi o femmine di svilupparsi oltre una fase precoce di 16-32 cellule. Secondo gli autori, scrive Nature Communications, la tecnica permetterà di migliorare il benessere degli animali nei laboratori e, forse, negli allevamenti. Ma bisogna approfondire gli aspetti normativi ed etici della questione.

Questo articolo è uscito sul numero 1439 di Internazionale, a pagina 104. Compra questo numero | Abbonati