La tecnologia usata nei vaccini a mRna contro il covid-19 potrebbe essere utile anche nella lotta all’aids. Alcuni ricercatori hanno messo a punto un vaccino a mRna che contiene le istruzioni per produrre due proteine chiave dell’hiv (env e gag). Da un esperimento condotto sui macachi nei laboratori statunitensi dei National institutes of health (Nih) è emerso che gli animali che avevano ricevuto più dosi avevano un rischio d’infezione inferiore del 79 per cento rispetto a quelli non vaccinati. Per funzionare, scrive Nature Medicine, un vaccino contro l’hiv deve prevenire l’infezione, non solo la malattia come per il covid-19.

Questo articolo è uscito sul numero 1440 di Internazionale, a pagina 102. Compra questo numero | Abbonati