Nel 2021 tempeste, inondazioni, incendi e terremoti hanno colpito in tutto il mondo milioni di persone, provocando circa diecimila morti. A questo terribile bilancio compilato dall’azienda di riassicurazione Munich Re (che assicura le compagnie assicurative), scrive la Neue Zürcher Zeitung, bisogna aggiungere i danni materiali, valutati in 280 miliardi di dollari. Questa cifra fa del 2021 il secondo anno con più danni di sempre, insieme al 2011 e al 2005. Il peggiore in assoluto resta il 2017. Se si considerano le conseguenze negative sull’economia in generale, aggiunge il quotidiano svizzero, il 2021 è il quarto peggiore della storia. Da questo punto di vista il primato spetta al 2011, con 355 miliardi di dollari.

Questo articolo è uscito sul numero 1443 di Internazionale, a pagina 101. Compra questo numero | Abbonati