Il 30 gennaio migliaia di persone hanno partecipato a una manifestazione a Iquique, nel nord del paese, per contestare l’arrivo dei migranti venezuelani, accusati di essere responsabili di un aumento della criminalità. “Molte strade sono state interrotte”, scrive La Tercera. Secondo i dati della procura della regione di Tarapacá, dove si trova Iquique, nel 2021 gli omicidi sono aumentati del 183 per cento e il traffico di droga del 42 per cento. Dalla fine del 2019 migliaia di venezuelani in fuga dalla povertà hanno raggiunto il Cile.

Internazionale pubblica ogni settimana una pagina di lettere. Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi di questo articolo. Scrivici a: posta@internazionale.it

Questo articolo è uscito sul numero 1446 di Internazionale, a pagina 24. Compra questo numero | Abbonati