Cile

Cile

Capitale
Santiago del Cile
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Peso cileno
Superficie
Il mondo in breve

Il viaggio di Irma, l’11 settembre in Cile, Strade di pace a Münster: cos’è successo nel mondo. Leggi

Il mondo in breve

A Ischia arrivano i soccorsi, interrogati quattro terroristi di Barcellona, depenalizzato l’aborto in Cile: cos’è successo oggi nel mondo. Leggi

pubblicità
L’avocado che lascia senz’acqua migliaia di cileni

L’Italia importa sempre più avocado cileno, ma nella provincia dov’è coltivato è in corso una battaglia per l’acqua. Leggi

Un terremoto di magnitudo 6.1 ha colpito il nord del Cile
Un terremoto di magnitudo 6.1 ha colpito il nord del Cile. Secondo l’agenzia geologica statunitense (Usgs) l’epicentro del terremoto si trova a 144 chilometri a sudest di Calama, alla profondità di 188 chilometri. Non ci sono ancora dettagli sugli eventuali danni causati dalla scossa.
La storia del Cile in un bottone

La memoria dell’acqua, il più recente capolavoro del cileno Patricio Guzmán che, film dopo film, non si stanca di scandagliare la memoria del suo paese. Leggi

pubblicità
Un incendio a Viña del Mar
È morto il cantante e musicista cileno Ángel Parra
È morto il cantante e musicista cileno Ángel Parra. Figura simbolo della diaspora cilena, Parra è morto l’11 marzo a Parigi. Aveva settantatré anni ed era malato di tumore. Ne ha dato l’annuncio l’ambasciatrice del Cile in Francia.
Milioni di persone sono rimaste senz’acqua in Cile
Milioni di persone sono rimaste senz’acqua in Cile. Le forti piogge e le frane avvenute nei giorni scorsi hanno contaminato le acque del fiume Maipo, costringendo le autorità a sospendere le forniture d’acqua a quattro milioni di persone nella capitale Santiago. Le scuole della città sono state chiuse e ci sono disagi anche sulle Ande.
Sciopero dei minatori in Cile
Le stelle di Atacama

L’Osservatorio europeo australe (Eso) ha costruito un complesso di osservatori astronomici tra le alte e aride cime del deserto di Atacama, nel Cile settentrionale. Leggi

pubblicità
Nostalgia della luce esplora la storia del Cile

Il grande documentarista cileno Patricio Guzmán, dopo aver subìto l’esilio negli anni di Pinochet, ha trovato nei suoi ultimi lavori una chiave personalissima e potente per rielaborare l’oscura storia recente del suo paese, e per celebrare l’identità ferita ma orgogliosa del suo popolo. Leggi

L’incendio si avvicina
Foresta di cenere
Continuano gli incendi in Cile, distrutto un villaggio nel centro del paese
Continuano gli incendi in Cile, distrutto un villaggio nel centro del paese. Il villaggio di Santa Olga, nella regione Maule, è stato completamente distrutto dalle fiamme, alimentate dal vento forte e dalle alte temperature. Secondo l’Agenzia forestale nazionale 238mila ettari di foresta sono stati bruciati e almeno 4mila persone sono state costrette ad abbandonare le loro abitazioni. Il bilancio delle vittime è salito a dieci morti. La presidente Michelle Bachelet ha dichiarato lo stato d’emergenza e accettato aiuti da Russia e Stati Uniti per affrontare la situazione.
Il Cile in fiamme

Almeno sette morti, decine di migliaia di persone costrette lasciare le loro case e interi paesi distrutti. Il Cile sta affrontando una serie di incendi che la presidente Michelle Bachelet ha definito la peggiore nella storia del paese. Leggi

pubblicità
Via dalle fiamme
Sei morti a causa di un incendio in Cile.
Sei morti a causa di un incendio in Cile. Quattro vigili del fuoco e due poliziotti sono morti mentre provavano a spegnere un incendio molto grande nel centro del Cile. Si è trattato di uno degli incendi più grandi della storia del paese, favorito dalle alte temperature estive e dalla siccità. È stato dichiarato lo stato di emergenza nel paese.
Emergenza incendi in Cile
L’emergenza incendi in Cile
Cos’è il Plan Condor e perché è finito sotto processo in Italia

Dopo due anni di udienze si è chiuso a Roma il processo contro il Plan Condor, che ha visto imputati 33 civili e militari cileni, uruguaiani, boliviani e peruviani responsabili della repressione totalitaria e del “terrorismo di stato” nei rispettivi paesi, negli anni settanta del novecento. Un processo che non ripercorre solo la storia recente dell’America Latina, ma che rilancia anche il dibattito sull’assenza del reato di tortura in Italia. Leggi

pubblicità