Il 1 febbraio Amnesty international ha pubblicato un rapporto che denuncia l’apartheid israeliano contro la popolazione palestinese. Il sistema messo in atto nei confronti dei palestinesi in Israele, nei Territori occupati e della diaspora comprende requisizioni di terre e proprietà, uccisioni illegali, trasferimenti forzati, limitazioni al movimento e la negazione della nazionalità. “Il rapporto di Amnesty segue iniziative simili dell’ong israeliana B’tselem e del gruppo Human rights watch, rispettivamente nel gennaio e nell’aprile del 2021”, commenta The Palestine Chronicle.

Questo articolo è uscito sul numero 1446 di Internazionale, a pagina 21. Compra questo numero | Abbonati