L’inquinamento atmosferico potrebbe influire sulla probabilità di essere contagiati dal virus sars-cov-2, responsabile del covid-19. Da una ricerca condotta in Svezia, pubblicata su Jama Network Open, è emerso un lieve aumento dei casi nei giovani esposti a varie sostanze inquinanti, tra cui il particolato fine PM2,5 e PM10. Secondo i ricercatori, è probabile che l’esposizione alle sostanze inquinanti causi anche lo sviluppo di sintomi più gravi della malattia. Nella foto: Londra, Regno Unito

Questo articolo è uscito sul numero 1458 di Internazionale, a pagina 111. Compra questo numero | Abbonati