Guinea-Bissau Il 16 maggio il presidente Umaro Sissoco Embaló ha sciolto il parlamento, accusato di proteggere deputati corrotti, e indetto le elezioni legislative anticipate il 18 dicembre.

Mali La giunta al potere ha detto il 15 maggio di voler abbandonare la forza internazionale antiterrorismo G5 Sahel, perché gli altri paesi del gruppo gli avrebbero impedito di assumere la presidenza di turno. Il giorno dopo Bamako ha dichiarato di aver sventato un colpo di stato organizzato da un “governo occidentale”.

Questo articolo è uscito sul numero 1461 di Internazionale, a pagina 22. Compra questo numero | Abbonati